Si rovescia barcone diretto in Italia 40 immigrati morti nel mar libico, La Repubblica, 16/06/08

L'imbarcazione sulla quale viaggiavano era partita dalla Libia
Ci sarebbero - secondo il governo egiziano - oltre 100 dispersi

Si rovescia barcone diretto in Italia 40 immigrati morti nel mar libico

Le motovedette nelle acque meltesi dove sono scomparsi sei migranti
Nell'isola siciliana approdati stamane su due gommoni altri 90 clandestini


Si rovescia barcone diretto in Italia 40 immigrati morti nel mar libico

Immigrati aggrappati ad una rete per la cattura dei tonni

ROMA - Nuova tragedia sulle rotte degli immigrati diretti in Italia. Almeno 40 di loro sono affogati e altri cento sono dispersi dopo che il barcone su cui viaggiavano, partito dalla Libia e diretto in Italia, si è capovolto in mare. Lo ha reso un funzionario egiziano. L'imbarcazione è affondata il 7 giugno, poco dopo aver mollato gli ormeggi al largo di Zuwarah, vicino al confine con la Tunisia. A bordo c'erano 150 persone: soltanto uno di loro è stato tratto in salvo. Le autorità libiche sono riuscite finora a recuperare 21 cadaveri. Secondo un portavoce, il ministero dell'Interno del Cairo è stato informato della tragedia il 13 giugno, perché Tripoli riteneva che a bordo del barcone vi fossero 12 egiziani. Le condizioni dei corpi non hanno reso possibile alcun riconoscimento.

Intanto risultano ufficialmente "dispersi" sei migranti scomparsi nella acque davanti a Malta: le speranze di trovarli in vita sono quasi nulle. Le ricerche sono riprese all'alba. Mancano all'appello anche dei bambini. I superstiti che si sono salvati aggrappandosi alle gabbie dei tonni sono stati accompagnati nei centri di raccolta a Malta.

LE FOTO

Ma l'ondata di sbarchi non si arresta. Neppure le cattive condizioni del mare spengono la speranza di una nuova vita sul versante europeo del Mediterraneo. Stamane, al largo dell'isola di Lampedusa sono stati soccorsi altri due gommoni con a bordo 90 migranti. Il primo ne trasportava 46, tutti uomini e adulti: è stato intercettato a circa 30 miglia a sud dell'isola da una motovedetta della Guardia costiera, a lanciare l'allarme è stato un extracomunitario con un telefono cellulare. L'altro gommone, con a bordo 44 persone, tra cui 16 donne e 7 minori, è stato soccorso da una motovedetta della Guardia di finanza a circa 45 miglia a sud-est di Lampedusa. In due giorni hanno raggiunto le coste dell'isola quasi 500 migranti, tra i quali un centinaio di donne, due in attesa di un bambino.

Il centro di accoglienza di Lampedusa è in emergenza. Nell'isola riesplode la polemica per la nuova ripresa degli sbarchi. Portavoce della protesta è il vice sindaco leghista Angela Maraventano, che sulle banchine del porticciolo si è presentata vestita "all'araba", con lo chador in testa. La senatrice del Carroccio ormai è una veterana delle iniziative anti-immigrazione: "Voglio trovare un passaggio per Tripoli".

Le gabbie dei tonni, come era capitato altre volte, ieri si sono trasformate in enormi ciambelle di salvataggio. In 28 sono riusciti a salvarsi. Nell'ultima settimana già tre volte i barconi della speranza erano finiti contro le gabbie per la pesca. "Probabilmente, ieri i bambini sono stati i primi ad avere la peggio", ipotizzano alla Capitaneria di porto.

Iscriviti alla newsletter
Acconsento al trattamento dei miei dati personali

Il carcere visto da dentro

Dona il 5x1000
AntigoneCinquePerMille

Sostieni Antigone
con una donazione