Indulto: Gonnella; adesso ci vogliono delle riforme strutturali, Redattore Sociale, 1/8/06

Indulto: Gonnella; adesso ci vogliono delle riforme strutturali

 

 

 

"Dopo l’indulto," - dichiara Patrizio Gonnella, Presidente dell’Associazione Antigone - "come ha detto il Presidente Napolitano, ci vogliono riforme strutturali. Nei prossimi giorni, con le migliaia di scarcerazioni dovute all’indulto, si tornerà ad una situazione di quasi normalità penitenziaria. È questa un’occasione unica e impedibile per mettere mano a un progetto di riforma complessiva del sistema. Se non ora quando?"

Riforme del sistema penale:

nuovo codice penale da adottare entro due anni (prima che si riaffollino le carceri) che riduca le fattispecie di reato, riduca le pene, diversifichi le sanzioni;

abrogazione della legge ex - Cirielli sulla recidiva;

abrogazione della legge Fini - Giovanardi sulle droghe e contestuale depenalizzazione di tutte le pratiche di consumo;

abrogazione della legge Bossi - Fini e depenalizzazione di tutto ciò che riguarda la condizione giuridica dello straniero.

Riforme del sistema penitenziario:

approvazione della legge istituiva del difensore civico nazionale delle persone private della libertà;

riconoscimento del diritto di voto per le persone in esecuzione penale e per gli ex - detenuti;

nuovo ordinamento penitenziario per i minori;

esclusione dal circuito carcerario dei bambini figli di madri detenute.

Azioni di carattere amministrativo:

applicazione della legge Bindi sulla sanità del 1999;

attuazione della legge Smuraglia sul lavoro del 2000;

applicazione piena e incondizionata del Regolamento di esecuzione entrato in vigore il 20 settembre del 2000.

Iscriviti alla newsletter
Acconsento al trattamento dei miei dati personali

Il carcere visto da dentro

Dona il 5x1000
AntigoneCinquePerMille

Sostieni Antigone
con una donazione