Trasforma il tuo 5x1000 in uno strumento di tutela dei diritti umani
Leggi il nostro rapporto
Scarica la nostra guida

Scarcerare la Societa’ - Alain Brossat - Eleuthera editore, 2003

Tilde Napoleone

Scarcerare la società racconta e spiega alcune favole contemporanee e lo fa attraverso una ricerca e una riflessione sul carcere, sul suo ruolo e sulla sua inutilità.

Portati fino ad ora a considerare il carcere come il punto più alto della nostra crescita umana e democratica, a parere del nostro autore, invece, il carcere non è e non sarà mai in regola con gli obblighi umanitari. Si, è vero, in carcere non scorre più il sangue, non si assiste più, se non in casi sporadici, alle torture, grazie al carcere non si uccidono più i corpi. Ma in carcere però i corpi sono conservati, abbandonati, reclusi ed esclusi, interiormente distrutti. Il paradosso è tutto qui. Il carcere non fa vedere, per questo tranquillizza, ma non è per questo più umano. L’invisibilità non consente le repliche, le proteste, se non quando qualche avvenimento raccapricciante viene posto sotto i riflettori mediatici. Prima, la gente poteva vedere il sangue scorrere e poteva crescere nel rifiutare pratiche via via considerate troppo disumane. E vedendo, sono nate le proteste, le lotte, il rifiuto di chi non tollerava più tanta violenza. Invece la segregazione, l’istituzionalizzazione nasconde e pacifica le coscienze di chi pensa di avere raggiunto la migliore soluzione possibile. Ma Brossat ci ricorda che questo modo di pensare è solo l’interiorizzazione dello sguardo del poliziotto e di quello dello stato. E’ lo Stato, è il poliziotto che sentono il bisogno di difendere l’ordine costituito, di difendere quella scala di valori che ha voluto darsi. Ma quest’ordine, noi, tutti non l’abbiamo votato. La divisione che il carcere rende eterna e che ormai viene data per scontata tra chi è giusto e chi non lo è, tra chi è asociale e chi non è, tra il ladro e chi non ruba, non deve essere data per scontata. E’ relativa, è frutto di scelte su cui discutere. La discussione da iniziare non è “Esiste una soluzione migliore del carcere?”, ma “Chi incarceriamo e perché lo facciamo?”, “A quali valori diamo priorità?”. Il carcere decide chi è il “rifiuto”, secolarizza una verità che tale non è e in questo senso è un’istituzione politica.

Le questioni come l’avvicinare il carcere alla società, umanizzarlo, riempirlo di senso per il detenuto, sono “temi dell’approccio illuminato, riformatore e filantropico del XIX secolo”. Il problema è invece per Brossat come eliminarlo, in quanto una delle peggiori espressioni di disumanità, mascherata da parvenza democratica. “Non ci sono più i ferri, né la ruota, né il patibolo, né il rogo. Niente. Ciò che rimpiazza tutto è il tempo, una vita amputata del tempo. Non si uccide, si lascia morire. Il carcere sapara e separa quella parte di noi, altrettanto selvaggia e potenzialmente criminale, che solo casualmente siamo riusciti a domare. Noi non siamo, ci dice Brossat, così lontani dal criminale che vogliamo respingere. Ma è proprio per questo che lo isoliamo di più, con più forza, riproponendo continuamente questo rito che ci dona la salvezza e ci racconta la favola della nostra innocenza. Brossat fa questa considerazioni partendo da avvenimenti che la Francia ha conosciuto, prendendo spunti dalla storia carceraria, facendo parlare autori come Faucault, Benjamin, Arendt, Levi Strass e infine dando voce al punto di vista di chi è solitamente muto, di chi il carcere l’ha vissuto e il cui sguardo deve essere ripreso per non accettare passivamente, solo lo sguardo del poliziotto.

  • 1
  • 2
  • 3
Prev Next

Suicidi e detenuti stranieri. Antigone: "il governo si …

Suicidi e detenuti stranieri. Antigone: "il governo si muove o prova a farlo, ma con ricette insufficienti o sbagliate"

5 milioni di euro per prevenire i suicidi in carcere e accordi per inviare a scontare la pena nel loro paese per i detenuti stranieri. Queste sono le due proposte...

Carcere di Viterbo. Condannato direttore del carcere nel pro…

Carcere di Viterbo. Condannato direttore del carcere nel procedimento per la morte di un detenuto. Il commento di Antigone

Comunicato stampa del 27 marzo 2024. Oggi il direttore della Casa Circondariale di Viterbo è stato condannato (con pena sospesa) per omissione di atti d'ufficio nell'ambito del procedimento che sta accertando...

Le carceri in Emilia Romagna: non solo sovraffollamento

Le carceri in Emilia Romagna: non solo sovraffollamento

Anche per l’anno 2023 l’Associazione Antigone Emilia Romagna ha completato le visite in tutti gli istituti di pena della regione, proseguendo con la sua attività di monitoraggio sulle condizioni di...

Guide al rilascio. Informazioni importanti per chi è a fine …

Guide al rilascio. Informazioni importanti per chi è a fine pena

ll momento del fine pena rappresenta per molte persone una fase di grande smarrimento, soprattutto per chi non ha una rete di riferimento all'esterno. Per aiutare ad orientarsi una volta fuori...

Presunte torture nel carcere di Foggia. Antigone: "si a…

Presunte torture nel carcere di Foggia. Antigone: "si accertino le responsabilità. Clima preoccupante in molte carceri"

"Si accertino le eventuali responsabilità rispetto a quanto sarebbe accaduto nel carcere di Foggia dove dieci agenti penitenziari sono accusati di tortura per le violenze contro due persone detenute. Si...

Suicidi in carcere. Antigone: "tre in poche ore: un 26e…

Suicidi in carcere. Antigone: "tre in poche ore: un 26enne a Pavia, un 20enne a Teramo e un 33enne a Secondigliano. Il totale è di 23 da inizio anno"

Continua a crescere il numero dei suicidi nelle carceri italiane. Gli ultimi tre sono avvenuti a distanza di poche ore nel carcere di Pavia e in quello di Teramo. Il...

Donne in carcere: presentazione dell'ultimo numero della riv…

Donne in carcere: presentazione dell'ultimo numero della rivista "Antigone"

Il prossimo 12 marzo, a Roma, presso la Casa Internazionale delle Donne, presenteremo il volume "L’esecuzione penale delle donne: temi, ricerche, prospettive", curato da Costanza Agnella e Susanna Marietti. Interamente consultabile...

Una delegazione di Antigone dal Presidente della Repubblica

Una delegazione di Antigone dal Presidente della Repubblica

Ieri una delegazione di Antigone, guidata dal Presidente dell'Associazione Patrizio Gonnella, è stata ricevuta dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. A lui va il nostro ringraziamento per le parole e...

È Online il calendario dei colloqui di selezione per il prog…

È Online il calendario dei colloqui di selezione per il progetto bando SCU 2023

È Online il calendario dei colloqui di selezione per il progetto bando SCU 2023 "La tutela dei diritti delle persone private della libertà 2024". I colloqui di selezione si terranno i...

Nordio cede sulla tortura e inventa «modifiche tecniche»

Nordio cede sulla tortura e inventa «modifiche tecniche»

«Il governo è al lavoro per modificare il reato di tortura adeguandolo ai requisiti previsti dalla convenzione di New York». Sono queste le parole del ministro della Giustizia, Carlo Nordio...

“Oltre il limite”. Il report 2023 sulle carceri marchigiane

“Oltre il limite”. Il report 2023 sulle carceri marchigiane

“Oltre il limite”. E' questo il titolo del Report 2023 di Antigone Marche che è stato presentato oggi a Jesi durante un Convegno sulla condizione delle carceri marchigiane. Il documento...

Non possiamo tacere, non vogliamo restare inerti

Non possiamo tacere, non vogliamo restare inerti

Un comunicato che abbiamo inviato insieme a Magistratura Democratica e Unione Camere Penali Italiane Ormai non è in gioco solo la dignità dei detenuti, si tratta di preservare la loro stessa...

Carceri minorili. Il rapporto di Antigone: "rischio che…

Carceri minorili. Il rapporto di Antigone: "rischio che la giustizia minorile perda i ragazzi per strada"

"Il modello della giustizia minorile in Italia, fin dal 1988, data in cui entrò in vigore un procedimento penale specifico per i minorenni, è sempre stato un vanto per il...

A Roma, il 20 febbraio, presentiamo il 7° rapporto sulla giu…

A Roma, il 20 febbraio, presentiamo il 7° rapporto sulla giustizia minorile: Prospettive minori

Il prossimo 20 febbraio, alle ore 10.00, presso il Roma Scout Center (Largo dello Scautismo, 1), Antigone presenta "Prospettive minori", 7° Rapporto sulla giustizia minorile in Italia.  La giustizia penale minorile...

Carceri. Antigone: "il sistema penitenziario rischia di…

Carceri. Antigone: "il sistema penitenziario rischia di trovarsi in emergenza in pochi mesi. Si prendano provvedimenti"

"Il sistema penitenziario italiano si avvicina a passi da gigante a livelli di sovraffollamento che configurerebbero un trattamento inumano e degradante generalizzato delle persone detenute. Bisogna prendere provvedimenti e prenderli...

Ungheria: carceri sovraffollate e abuso della contenzione fi…

Ungheria: carceri sovraffollate e abuso della contenzione fisica

Nove anni dopo che la Corte europea dei diritti dell'uomo ha condannato l'Ungheria per aver violato il divieto di trattamenti inumani e degradanti a causa delle sue condizioni carcerarie, i...

Riportare Ilaria Salis in Italia. Subito

Riportare Ilaria Salis in Italia. Subito

di Patrizio Gonnella su il manifesto del 30/01/2024 L’arretramento dello Stato di diritto ungherese è da ieri sotto gli occhi di tutti. E a tutti è sbattuto in faccia con quelle...

Sentenza storica della Consulta: si alla sessualità in carce…

Sentenza storica della Consulta: si alla sessualità in carcere. Antigone era nel procedimento

  La Corte Costituzionale ha detto sì alla affettività e alla sessualità in carcere, dichiarando illegittimo l'articolo 18 dell'ordinamento Penitenziario che, in materia di colloqui visivi, imponeva il controllo a vista. La...

Visualizza tutte le news presenti in archivio

Iscriviti alla newsletter
Acconsento al trattamento dei miei dati personali

Rapporto Antigone

Rapporto Annuale

Dona il 5x1000
AntigoneCinquePerMille

Sostieni Antigone
con una donazione