Trasforma il tuo 5x1000 in uno strumento di tutela dei diritti umani
Leggi il nostro rapporto
Scarica la nostra guida

Lampedusa, riprendono le ricerche. Arriva la nave con morti e superstiti, La Repubblica, 15/07/08

Si cercano i 25 dispersi del gommone che si è ribaltato ieri
Oltre 48 gli extracomunitari recuperati in mare, operazioni difficili per il maltempo

Lampedusa, riprendono le ricerche. Arriva la nave con morti e superstiti

Centro di prima accoglienza al collasso: posti per 700 persone, entro stasera saranno 1.350

LAMPEDUSA - La nave "Fenice" della Marina militare, con a bordo i 47 superstiti del gommone di immigrati naufragato ieri nel canale di Sicilia, è giunta all'alba nelle acque di Lampedusa. Impossibile iniziare lo sbarco degli extracomunitari: a causa delle avverse condizioni del mare e del forte vento di maestrale. Adesso "La Fenice" attende che dal porto di Lampedusa parta, in tarda mattinata, il traghetto per Porto Empedocle per potere attraccare nell'isola.

La "Fenice" non può infatti entrare in porto a causa delle sue dimensioni e deve trasbordare i suoi passeggeri su una motovedetta della Guardia costiera. Il mare agitato rende impossibile all'unità più piccola di affiancare la nave. A bordo della "Fenice" ci sono anche i corpi delle tre vittime recuperate ieri.

Le ricerche dei dispersi, il cui numero preciso non si conosce madovrebbero essere venticinque, non sono ancora riprese perchè la "Fenice" incrocia tuttora davanti a Lampedusa. La Capitaneria di porto di Palermo, che coordina l'operazione, non segnala avvistamenti di altri natanti di immigrati nel canale di Sicilia.


I fatti. Gli extracomunitari provenienti dall'Africa hanno viaggiato su un gommone che si è rovesciato forse per l'agitazione causata dalla vista di un'unità militare italiana che si avvicinava per prestare soccorso.

Sul natante c'erano almeno 76 persone. Il naufragio è avvenuto a oltre settanta miglia a Sud est dell'isola. Il mare era in pessime condizioni, la nave "Fenice" della Marina, che pattuglia quelle acque, ha avvistato il gommone in difficoltà e si è avvicinata. Alla vista della nave militare, diversi passeggeri si sono alzati o si sono mossi e l'imbarcazione, anche a causa della cattiva distribuzione del peso a bordo, si è rovesciata.

La stessa "Fenice" ha iniziato le operazioni di soccorso, e, dopo diverse ore, ha fatto rotta verso il porto con 3 cadaveri e 48 persone recuperate. Altre imbarcazioni della marina proseguono le ricerche, ma le cattive condizioni meteo nel Canale di Sicilia, con mare forza 4 e vento a 17 nodi, rendono difficile l'intervento dei militari. I dispersi sono 25.


Sempre nello stesso tratto di mare, un'altro barcone con 350 clandestini è stato avvistato da un pattugliatore maltese che lo ha scortato fino al porto di Lampedusa. Nessuna notizia, invece, di una terza imbarcazione segnalata da un motopesca a oltre 50 miglia a Sud dell'isola. A bordo ci sarebbero state almeno una cinquantina di persone, ma le probabilità di riuscire a individuarle si fanno sempre più scarse col passare delle ore. In quel tratto di mare ci sarebbero onde fino a due metri e mezzo.

La giornata di ieri era iniziata con lo sbarco sull'isola di 27 clandestini, giunti sulle coste italiane a bordo di una barca di legno di piccole dimensioni. Nella mattinata, poi, altre due imbarcazioni sono state intercettate a sud est dell'isola siciliana.

Nella zona, che rientra sotto la competenza maltese per quanto riguarda le operazioni Sar (ricerca e soccorso), è stato inviato un aereo Atlantic in ricognizione. Mentre la nave "Fenice" ha proseguito le ricerche dei dispersi, due pattugliatori maltesi hanno scortato il barcone con circa 350 immigrati in navigazione verso Lampedusa.

Il centro di prima accoglienza dell'isola è intanto al collasso. La struttura, inaugurata un anno fa in contrada Imbriacola, ha una capienza di circa 700 posti ma al momento vi hanno trovato asilo mille clandestini. Un numero destinato a salire drasticamente non appena il barcone giungerà in porto, mentre non si conosce ancora la destinazione dei 46 superstiti tratti in salvo dalla Marina militare. Per oggi è previsto il trasferimento in aereo di un centinaio di immigrati.
  • 1
  • 2
  • 3
Prev Next

Suicidi e detenuti stranieri. Antigone: "il governo si …

Suicidi e detenuti stranieri. Antigone: "il governo si muove o prova a farlo, ma con ricette insufficienti o sbagliate"

5 milioni di euro per prevenire i suicidi in carcere e accordi per inviare a scontare la pena nel loro paese per i detenuti stranieri. Queste sono le due proposte...

Carcere di Viterbo. Condannato direttore del carcere nel pro…

Carcere di Viterbo. Condannato direttore del carcere nel procedimento per la morte di un detenuto. Il commento di Antigone

Comunicato stampa del 27 marzo 2024. Oggi il direttore della Casa Circondariale di Viterbo è stato condannato (con pena sospesa) per omissione di atti d'ufficio nell'ambito del procedimento che sta accertando...

Le carceri in Emilia Romagna: non solo sovraffollamento

Le carceri in Emilia Romagna: non solo sovraffollamento

Anche per l’anno 2023 l’Associazione Antigone Emilia Romagna ha completato le visite in tutti gli istituti di pena della regione, proseguendo con la sua attività di monitoraggio sulle condizioni di...

Guide al rilascio. Informazioni importanti per chi è a fine …

Guide al rilascio. Informazioni importanti per chi è a fine pena

ll momento del fine pena rappresenta per molte persone una fase di grande smarrimento, soprattutto per chi non ha una rete di riferimento all'esterno. Per aiutare ad orientarsi una volta fuori...

Presunte torture nel carcere di Foggia. Antigone: "si a…

Presunte torture nel carcere di Foggia. Antigone: "si accertino le responsabilità. Clima preoccupante in molte carceri"

"Si accertino le eventuali responsabilità rispetto a quanto sarebbe accaduto nel carcere di Foggia dove dieci agenti penitenziari sono accusati di tortura per le violenze contro due persone detenute. Si...

Suicidi in carcere. Antigone: "tre in poche ore: un 26e…

Suicidi in carcere. Antigone: "tre in poche ore: un 26enne a Pavia, un 20enne a Teramo e un 33enne a Secondigliano. Il totale è di 23 da inizio anno"

Continua a crescere il numero dei suicidi nelle carceri italiane. Gli ultimi tre sono avvenuti a distanza di poche ore nel carcere di Pavia e in quello di Teramo. Il...

Donne in carcere: presentazione dell'ultimo numero della riv…

Donne in carcere: presentazione dell'ultimo numero della rivista "Antigone"

Il prossimo 12 marzo, a Roma, presso la Casa Internazionale delle Donne, presenteremo il volume "L’esecuzione penale delle donne: temi, ricerche, prospettive", curato da Costanza Agnella e Susanna Marietti. Interamente consultabile...

Una delegazione di Antigone dal Presidente della Repubblica

Una delegazione di Antigone dal Presidente della Repubblica

Ieri una delegazione di Antigone, guidata dal Presidente dell'Associazione Patrizio Gonnella, è stata ricevuta dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. A lui va il nostro ringraziamento per le parole e...

È Online il calendario dei colloqui di selezione per il prog…

È Online il calendario dei colloqui di selezione per il progetto bando SCU 2023

È Online il calendario dei colloqui di selezione per il progetto bando SCU 2023 "La tutela dei diritti delle persone private della libertà 2024". I colloqui di selezione si terranno i...

Nordio cede sulla tortura e inventa «modifiche tecniche»

Nordio cede sulla tortura e inventa «modifiche tecniche»

«Il governo è al lavoro per modificare il reato di tortura adeguandolo ai requisiti previsti dalla convenzione di New York». Sono queste le parole del ministro della Giustizia, Carlo Nordio...

“Oltre il limite”. Il report 2023 sulle carceri marchigiane

“Oltre il limite”. Il report 2023 sulle carceri marchigiane

“Oltre il limite”. E' questo il titolo del Report 2023 di Antigone Marche che è stato presentato oggi a Jesi durante un Convegno sulla condizione delle carceri marchigiane. Il documento...

Non possiamo tacere, non vogliamo restare inerti

Non possiamo tacere, non vogliamo restare inerti

Un comunicato che abbiamo inviato insieme a Magistratura Democratica e Unione Camere Penali Italiane Ormai non è in gioco solo la dignità dei detenuti, si tratta di preservare la loro stessa...

Carceri minorili. Il rapporto di Antigone: "rischio che…

Carceri minorili. Il rapporto di Antigone: "rischio che la giustizia minorile perda i ragazzi per strada"

"Il modello della giustizia minorile in Italia, fin dal 1988, data in cui entrò in vigore un procedimento penale specifico per i minorenni, è sempre stato un vanto per il...

A Roma, il 20 febbraio, presentiamo il 7° rapporto sulla giu…

A Roma, il 20 febbraio, presentiamo il 7° rapporto sulla giustizia minorile: Prospettive minori

Il prossimo 20 febbraio, alle ore 10.00, presso il Roma Scout Center (Largo dello Scautismo, 1), Antigone presenta "Prospettive minori", 7° Rapporto sulla giustizia minorile in Italia.  La giustizia penale minorile...

Carceri. Antigone: "il sistema penitenziario rischia di…

Carceri. Antigone: "il sistema penitenziario rischia di trovarsi in emergenza in pochi mesi. Si prendano provvedimenti"

"Il sistema penitenziario italiano si avvicina a passi da gigante a livelli di sovraffollamento che configurerebbero un trattamento inumano e degradante generalizzato delle persone detenute. Bisogna prendere provvedimenti e prenderli...

Ungheria: carceri sovraffollate e abuso della contenzione fi…

Ungheria: carceri sovraffollate e abuso della contenzione fisica

Nove anni dopo che la Corte europea dei diritti dell'uomo ha condannato l'Ungheria per aver violato il divieto di trattamenti inumani e degradanti a causa delle sue condizioni carcerarie, i...

Riportare Ilaria Salis in Italia. Subito

Riportare Ilaria Salis in Italia. Subito

di Patrizio Gonnella su il manifesto del 30/01/2024 L’arretramento dello Stato di diritto ungherese è da ieri sotto gli occhi di tutti. E a tutti è sbattuto in faccia con quelle...

Sentenza storica della Consulta: si alla sessualità in carce…

Sentenza storica della Consulta: si alla sessualità in carcere. Antigone era nel procedimento

  La Corte Costituzionale ha detto sì alla affettività e alla sessualità in carcere, dichiarando illegittimo l'articolo 18 dell'ordinamento Penitenziario che, in materia di colloqui visivi, imponeva il controllo a vista. La...

Visualizza tutte le news presenti in archivio

Iscriviti alla newsletter
Acconsento al trattamento dei miei dati personali

Rapporto Antigone

Rapporto Annuale

Dona il 5x1000
AntigoneCinquePerMille

Sostieni Antigone
con una donazione