Trasforma il tuo 5x1000 in uno strumento di tutela dei diritti umani
Leggi il nostro rapporto
Scarica la nostra guida

Rivolta nella notte a Corelli dopo un pestaggio e l’omissione di soccorso, meltingpot.org, 11/07/08

Rivolta nella notte a Corelli dopo un pestaggio e l’omissione di soccorso

Una testimonianza diretta dal centro di detenzione

Riportiamo una testimonianza diretta sulla rivolta che ha avuto luogo la notte del 10 luglio nel Cpt di Via Corelli, a Milano. Ricordiamo che da giorni i detenuti del centro sono in stato di agitazione, e molti di loro in sciopero della fame.

Chi parla descrive le condizioni di questo centro di detenzione, gestito dalla Croce Rossa, come insostenibili da un punto di vista igienico-sanitario e di assistenza.
Dal racconto, però, traspare anche tutta la violenza congenita in questo tipo di strutture detentive, la solitudine dei trattenuti (che si trovano lì senza aver commesso alcun reato penalmente reseguibile), la difficoltà di fare sentire la propria voce.

Eppure è un dato di fatto che oggi, sempre di più, in tutta Europa, le rivolte dentro i Cpt si susseguono e i migranti hanno sempre meno paura di raccontare quel che subiscono e di attuare pratiche di resistenza.

Testimonianza di Vale, amica del trans picchiato nel Cpt:

"Tutte le sere dobbiamo prendere le nostre medicine per la terapia e andiamo a prenderle e poi torniamo indietro normalmente per andare a dormire tranquille, le trans principalmente. Non andiamo in giro per drogarci o fare dei casini. Sono andati un trans nero e due bianche e il poliziotto che era là fuori, non lo so se era drogato o se era arrabbiato, o solo forse non gli piacevano i trans, e li ha guardati male. Lui era a telefono anche se non poteva parlare al cellulare e loro gli hanno chiesto qualcosa e lui ha risposto: ‘stai zitto! Sto parlando con la mia fidanzata”. È iniziato tutto così.
Il trans nero gli ha detto: “ma non vedi questo cartello che dice che è vietato parlare per telefono?” e il poliziotto ha risposto: “che cazzo te ne frega a te, negro schifoso di merda? Sei un trans nigeriano di merda!”. Allora quella ha preso le pillole della terapia e gliele ha tirate addosso.
Sono arrivati in sei, l’hanno presa per le braccia, l’hanno portata in una stanza chiusa e in sei l’hanno bastonata. Sulla testa, su tutte le parti del corpo.
Era gonfiata tutta e le avevano dato tanti di quei colpi in pancia che quando è entrata qua dentro vomitava sangue. E la Croce Rossa non ha fatto nulla!
Quando abbiamo chiesto all’ispettore che cosa era successo con questo trans ci ha risposto che non è successo niente, che ha sbattuto la testa! Qualcuno ha visto qualcosa? E quelli della croce rossa hanno detto: No, no, no. E sono rimasti lì.

Ma una manganellata sulla testa può causare anche un trauma cranico e io ho pensato: bisogna fare qualcosa! Anche perché sennò ogni giorno qui spaccheranno la testa a qualcuno! Ho parlato con i marocchini davanti e poi con quelli a fianco, e abbiamo iniziato a fare questo casino.
E ora rischiamo la galera per tre quattro, sei mesi e non è giusto perché non l’abbiamo fatto per andare via ma per aiutare una persona che stava male.
Solo dopo che c’era il fumo dappertutto l’hanno portata all’ospedale e allora l’infermiera della Croce Rossa è andata all’ospedale anche lei piangendo e dicendo che neanche un cane si tratta come era stata trattata quella persona. Abbiamo dovuto reagire.

E poi è difficile stare qua dentro perché il bagno puzza, fuori dal bagno fa schifo e poi lì fuori dovevano tagliare l’erba e non l’hanno tagliata e allora le zanzare ci stanno mangiando vivi e portano pure le malattie. Tutti abbiamo i funghi sui piedi perché se vai in bagno a fare la doccia li prendi subito. Dovreste venire qua a vedere per credere a quello che vi dico. (…) Non c’è nessuna condizione di assistenza e noi abbiamo bisogno di qualcuno lì fuori a cui importa di noi. Nessuno può entrare e noi non abbiamo la possibilità di parlare con nessuno.

(A cura di Alessandra Sciurba. Testimonianza raccolta da Maria Fiano)
  • 1
  • 2
  • 3
Prev Next

Suicidi e detenuti stranieri. Antigone: "il governo si …

Suicidi e detenuti stranieri. Antigone: "il governo si muove o prova a farlo, ma con ricette insufficienti o sbagliate"

5 milioni di euro per prevenire i suicidi in carcere e accordi per inviare a scontare la pena nel loro paese per i detenuti stranieri. Queste sono le due proposte...

Carcere di Viterbo. Condannato direttore del carcere nel pro…

Carcere di Viterbo. Condannato direttore del carcere nel procedimento per la morte di un detenuto. Il commento di Antigone

Comunicato stampa del 27 marzo 2024. Oggi il direttore della Casa Circondariale di Viterbo è stato condannato (con pena sospesa) per omissione di atti d'ufficio nell'ambito del procedimento che sta accertando...

Le carceri in Emilia Romagna: non solo sovraffollamento

Le carceri in Emilia Romagna: non solo sovraffollamento

Anche per l’anno 2023 l’Associazione Antigone Emilia Romagna ha completato le visite in tutti gli istituti di pena della regione, proseguendo con la sua attività di monitoraggio sulle condizioni di...

Guide al rilascio. Informazioni importanti per chi è a fine …

Guide al rilascio. Informazioni importanti per chi è a fine pena

ll momento del fine pena rappresenta per molte persone una fase di grande smarrimento, soprattutto per chi non ha una rete di riferimento all'esterno. Per aiutare ad orientarsi una volta fuori...

Presunte torture nel carcere di Foggia. Antigone: "si a…

Presunte torture nel carcere di Foggia. Antigone: "si accertino le responsabilità. Clima preoccupante in molte carceri"

"Si accertino le eventuali responsabilità rispetto a quanto sarebbe accaduto nel carcere di Foggia dove dieci agenti penitenziari sono accusati di tortura per le violenze contro due persone detenute. Si...

Suicidi in carcere. Antigone: "tre in poche ore: un 26e…

Suicidi in carcere. Antigone: "tre in poche ore: un 26enne a Pavia, un 20enne a Teramo e un 33enne a Secondigliano. Il totale è di 23 da inizio anno"

Continua a crescere il numero dei suicidi nelle carceri italiane. Gli ultimi tre sono avvenuti a distanza di poche ore nel carcere di Pavia e in quello di Teramo. Il...

Donne in carcere: presentazione dell'ultimo numero della riv…

Donne in carcere: presentazione dell'ultimo numero della rivista "Antigone"

Il prossimo 12 marzo, a Roma, presso la Casa Internazionale delle Donne, presenteremo il volume "L’esecuzione penale delle donne: temi, ricerche, prospettive", curato da Costanza Agnella e Susanna Marietti. Interamente consultabile...

Una delegazione di Antigone dal Presidente della Repubblica

Una delegazione di Antigone dal Presidente della Repubblica

Ieri una delegazione di Antigone, guidata dal Presidente dell'Associazione Patrizio Gonnella, è stata ricevuta dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. A lui va il nostro ringraziamento per le parole e...

È Online il calendario dei colloqui di selezione per il prog…

È Online il calendario dei colloqui di selezione per il progetto bando SCU 2023

È Online il calendario dei colloqui di selezione per il progetto bando SCU 2023 "La tutela dei diritti delle persone private della libertà 2024". I colloqui di selezione si terranno i...

Nordio cede sulla tortura e inventa «modifiche tecniche»

Nordio cede sulla tortura e inventa «modifiche tecniche»

«Il governo è al lavoro per modificare il reato di tortura adeguandolo ai requisiti previsti dalla convenzione di New York». Sono queste le parole del ministro della Giustizia, Carlo Nordio...

“Oltre il limite”. Il report 2023 sulle carceri marchigiane

“Oltre il limite”. Il report 2023 sulle carceri marchigiane

“Oltre il limite”. E' questo il titolo del Report 2023 di Antigone Marche che è stato presentato oggi a Jesi durante un Convegno sulla condizione delle carceri marchigiane. Il documento...

Non possiamo tacere, non vogliamo restare inerti

Non possiamo tacere, non vogliamo restare inerti

Un comunicato che abbiamo inviato insieme a Magistratura Democratica e Unione Camere Penali Italiane Ormai non è in gioco solo la dignità dei detenuti, si tratta di preservare la loro stessa...

Carceri minorili. Il rapporto di Antigone: "rischio che…

Carceri minorili. Il rapporto di Antigone: "rischio che la giustizia minorile perda i ragazzi per strada"

"Il modello della giustizia minorile in Italia, fin dal 1988, data in cui entrò in vigore un procedimento penale specifico per i minorenni, è sempre stato un vanto per il...

A Roma, il 20 febbraio, presentiamo il 7° rapporto sulla giu…

A Roma, il 20 febbraio, presentiamo il 7° rapporto sulla giustizia minorile: Prospettive minori

Il prossimo 20 febbraio, alle ore 10.00, presso il Roma Scout Center (Largo dello Scautismo, 1), Antigone presenta "Prospettive minori", 7° Rapporto sulla giustizia minorile in Italia.  La giustizia penale minorile...

Carceri. Antigone: "il sistema penitenziario rischia di…

Carceri. Antigone: "il sistema penitenziario rischia di trovarsi in emergenza in pochi mesi. Si prendano provvedimenti"

"Il sistema penitenziario italiano si avvicina a passi da gigante a livelli di sovraffollamento che configurerebbero un trattamento inumano e degradante generalizzato delle persone detenute. Bisogna prendere provvedimenti e prenderli...

Ungheria: carceri sovraffollate e abuso della contenzione fi…

Ungheria: carceri sovraffollate e abuso della contenzione fisica

Nove anni dopo che la Corte europea dei diritti dell'uomo ha condannato l'Ungheria per aver violato il divieto di trattamenti inumani e degradanti a causa delle sue condizioni carcerarie, i...

Riportare Ilaria Salis in Italia. Subito

Riportare Ilaria Salis in Italia. Subito

di Patrizio Gonnella su il manifesto del 30/01/2024 L’arretramento dello Stato di diritto ungherese è da ieri sotto gli occhi di tutti. E a tutti è sbattuto in faccia con quelle...

Sentenza storica della Consulta: si alla sessualità in carce…

Sentenza storica della Consulta: si alla sessualità in carcere. Antigone era nel procedimento

  La Corte Costituzionale ha detto sì alla affettività e alla sessualità in carcere, dichiarando illegittimo l'articolo 18 dell'ordinamento Penitenziario che, in materia di colloqui visivi, imponeva il controllo a vista. La...

Visualizza tutte le news presenti in archivio

Iscriviti alla newsletter
Acconsento al trattamento dei miei dati personali

Rapporto Antigone

Rapporto Annuale

Dona il 5x1000
AntigoneCinquePerMille

Sostieni Antigone
con una donazione