Trasforma il tuo 5x1000 in uno strumento di tutela dei diritti umani
Leggi il nostro rapporto
Scarica la nostra guida

Mosca, massacrata dagli skinheads. Allarme xenofobia in Russia, La Repubblica, 27/03/08

Accoltellata per strada una donna del Tagikistan da una banda di teste rasate
Escalation di violenza razzista nella capitale: 17 morti da gennaio

Mosca, massacrata dagli skinheads. Allarme xenofobia in Russia

MOSCA - Era una donna immigrata e questo è stato sufficiente per ucciderla. Un gruppo di giovani skinheads ha tagliato la gola ad una donna del Tagikistan davanti a terrorizzati passanti lungo una strada di un quartiere a nord di Mosca.

"Un omicidio a sfondo razziale" scrivono i giornali russi. Dall'inizio dell'anno, nella sola Mosca, sono stati 40 le aggressioni xenofobe ma secondo il centro studi umanistici Sova, in tutta la Russia gli attacchi in questi ultimi tre mesi sono stati oltre un centinaio con un bilancio di 17 morti e 92 feriti, di cui alcuni gravi. Le statistiche del 2007 non sono ancora state aggiornate, ma nel 2006 ci sono state oltre 539 aggressioni, con 54 morti: un aumento del 17% rispetto all'anno precedente.

Le bande di skinheads e neonazisti li chiamano spregiativamente "neri". Sono gli immigrati provenienti dalle repubbliche ex sovietiche, vittime predestinate della violenza razzista delle 50.000 teste rasate o dei neohitleriani che prosperano soprattutto a Mosca, a San Pietroburgo e nelle principali città russe.

La violenza xenofoba in Russia sembra un cancro che le autorità non riescono a debellare. Quattro anni fa un gruppo di skinheads armati di mazze da baseball, catene e coltelli, attaccarono brutalmente tre immigrati tagiki a San Pietroburgo. Una bambina di 9 anni, colpita 11 volte, morì tra le braccia di suo padre. In ognuna delle case degli imputati, anche nell'appartamento del principale responsabile del crimine - appena un 14enne - gli agenti trovarono scritti neonazisti. Sempre a San Pietroburgo, quattro mesi prima, una piccola rom di sei anni fu picchiata a morte fuori da una stazione ferroviaria.
La Pravda online, il 2 aprile scorso, diede notizia dell'apertura di un'inchiesta sulla morte di un'altra vittima della violenza razzista, un giovane antifasista di 17 anni, pestato a morte da sette skinheads a Izhevsk, capoluogo della Repubblica di Udmutria, 1.200 chilometri a sud-est di Mosca. "Le forze dell'ordine - scrisse la Pravda - hanno fermato quattro giovani di età compresa tra i 17 e i 20 anni sospettati dell'aggressione".

Ma le cronache più recenti sono piene di episodi simili ugualmente drammatici. A metà maggio scorso, uno studente ebreo fu accoltellato a morte sotto casa a San Pietroburgo. Studiava biologia all'università della città ma insegnava anche presso un liceo privato ebraico e questo, il gruppo antisemita che lo ha aggredito, non lo sopportava. Lo hanno colpito con 12 coltellate; la madre ha scoperto il cadavere del figlio nell'androne del portone dove abitavano.

A febbraio, appena un mese e mezzo fa, le vittime di omicidi a sfondo etnico erano state sei nel giro di una settimana, quasi un morto al giorno. Tra le vittime, un kirghizo - del Kirghizistan - che lavorava in un supermercato e un altro giovane azero - dell'Azerbaijan - entrambi accoltellati a morte per le strade di un quartiere a sud-est di Mosca. Non avevano altra colpa che essere degli immigrati.
  • 1
  • 2
  • 3
Prev Next

Che carcere vuole la destra al governo?

Che carcere vuole la destra al governo?

Il 13 ottobre, con l'insediamento del Parlamento, è iniziata la XIX legislatura. Già nei primi giorni alcuni parlamentari hanno presentato delle proposte di legge. Tra queste alcune riguardano il sistema...

A San Vittore reclusa una donna di 85 anni. Antigone: "…

A San Vittore reclusa una donna di 85 anni. Antigone: "Situazione grave, da risolvere il prima possibile"

Da circa due settimane una donna di 85 anni è detenuta presso il carcere milanese di San Vittore. La sua condanna definitiva è di soli 8 mesi, scaturita dall'occupazione abusiva...

Netx steps

Netx steps

Il progetto europeo NEXT STEPS si pone l’obiettivo di sostenere gli istituti penitenziari nello sviluppo professionale e nella reintegrazione dei detenuti. L’obiettivo è quello di contrastare l’alto tasso di recidiva...

Carcere. Ivrea: avvisi di garanzia per le presunte violenze …

Carcere. Ivrea: avvisi di garanzia per le presunte violenze in carcere. Antigone: "grazie alla Procura di Torino per le indagini dopo anni di disinteresse"

Sarebbero 25 gli avvisi di garanzia recapitati ad agenti penitenziari, funzionari e medici in servizio al carcere di Ivrea e accusati, a vario titolo, di lesioni e falsi aggravati per...

59 suicidi, l’allarme inascoltato dell’estate tragica

59 suicidi, l’allarme inascoltato dell’estate tragica

di Patrizio Gonnella su il manifesto del 4 settembre 2022 «Hanno tolto il disturbo 57 detenuti, 57 persone, tutti principini e onesti italiani, hanno tolto il disturbo …finalmente una buona notizia…porca...

Suicidi. Persone, vite, storie. Non solo numeri

Suicidi. Persone, vite, storie. Non solo numeri

  Nei primi mesi del 2022 sono già 59 i suicidi avvenuti nelle carceri italiane. Più di una ogni quattro giorni. Sin dall’inizio dell’anno il fenomeno ha mostrato segni di preoccupante...

Carcere. Nel 2022 già 57 suicidi, lo stesso numero registrat…

Carcere. Nel 2022 già 57 suicidi, lo stesso numero registrato in tutto il 2021. Antigone: "liberalizzare le telefonate"

"Il carcere non è una condanna a morte. È necessario intervenire affinché il dramma che sta interessando gli istituti di pena italiani in questo 2022 si possa fermare". A dirlo...

Rivolte e suicidi in carcere ci raccontano dell'importanza d…

Rivolte e suicidi in carcere ci raccontano dell'importanza dell'affettività

Ad innescare le proteste nelle carceri non fu una cabina di regia criminale. Il motivo va invece ricercato nell'insoddisfazione della popolazione detenuta per la poco dignitosa qualità della vita penitenziaria...

Meglio una telefonata che una manciata di voti incattiviti

Meglio una telefonata che una manciata di voti incattiviti

di Patrizio Gonnella su Il manifesto dell'11 agosto 2022 «Mio figlio si è tolto la vita». «Mio padre si è ammazzato». «Mia sorella si è suicidata». Mio marito, mia moglie, mio...

Carceri. Antigone: "44 suicidi in 7 mesi, chiediamo all…

Carceri. Antigone: "44 suicidi in 7 mesi, chiediamo alle forze politiche e al Governo di non ignorare questo dramma"

"Quattro suicidi negli ultimi 4 giorni. 44 dall'inizio dell'anno. Le persone così diventano numeri. Un dramma continuo, quello che riguarda le carceri italiane, che non trova eguali negli ultimi anni...

Per sopportare il grande caldo bisogna modernizzare la vita …

Per sopportare il grande caldo bisogna modernizzare la vita in carcere e ridurre il sovraffollamento

"Alle ondate di caldo sempre più forti prodotte dai cambiamenti climatici non sono immuni neanche le carceri che, sempre di più, dovranno far fronte anche a questa variabile che può...

Parte l'attacco alle legge sulla tortura

Parte l'attacco alle legge sulla tortura

di Patrizio Gonnella su il manifesto del 26/07/2022 «Difendiamo chi ci difende». Così si è espressa nel 2018 Giorgia Meloni sui social proponendo di cancellare l’attuale legge sulla tortura in quanto...

28 luglio: "La calda estate delle carceri", presen…

28 luglio: "La calda estate delle carceri", presentazione online del Rapporto di metà anno di Antigone

"La calda estate delle carceri" è il titolo del Rapporto di metà anno dell'associazione Antigone che, come consuetudine, fa il punto su quanto avvenuto nei primi mesi negli istituti di...

Summer school: “I luoghi dell’incontro tra disagio psichico …

Summer school: “I luoghi dell’incontro tra disagio psichico e privazione della libertà"

Anche nel 2022 si rinnova l'appunamento con la Summer School organizzata dalla nostra associazione insieme al Dipartimento di Giurisprudenza dell'Università di Torino. La VI edizione, che si terrà per la...

Carceri. Donna perde un bambino al nono mese. Antigone: …

Carceri. Donna perde un bambino al nono mese. Antigone: "tutelare la gravidanza"

A inizio giugno, durante la visita nel carcere di milanese di San Vittore dell’Osservatorio sulle condizioni di detenzione di Antigone, abbiamo incontrato 8 donne in stato di gravidanza. Un numero...

Una telefonata che allunghi la vita

Una telefonata che allunghi la vita

di Patrizio Gonnella su il manifesto del 5 giugno 2022 RIFORMA PENITENZIARIA. È trascorso quasi da un anno da quel 14 luglio in cui la ministra Marta Cartabia e il Presidente...

Un nostro ricordo di Marina Graziosi

Un nostro ricordo di Marina Graziosi

Marina Graziosi è stata parte della riflessione di Antigone sin dall’inizio. Era membro del Comitato scientifico dell’associazione e ci ha accompagnato in molti momenti importanti per la formazione del nostro...

“Diritti al voto”: la campagna di Antigone e dei Garanti ter…

“Diritti al voto”: la campagna di Antigone e dei Garanti territoriali

Il suffragio universale è una conquista fondamentale delle liberaldemocrazie novecentesche. Il diritto internazionale riconosce il solo limite dell’età per accedere al diritto di voto, la cui universalità è affermata nell’art...

Iscriviti alla newsletter
Acconsento al trattamento dei miei dati personali

Il carcere visto da dentro

Dona il 5x1000
AntigoneCinquePerMille

Sostieni Antigone
con una donazione