Trasforma il tuo 5x1000 in uno strumento di tutela dei diritti umani
Leggi il nostro rapporto
Scarica la nostra guida

La legalità sulla pelle degli immigrati, Il Manifesto, 26/07/07

sardegna
La legalità sulla pelle degli immigrati
Sandro Roggio

Una città sarda sul mare, passeggiata sotto il primo sole estivo. Una ragazza cinese ha appena finito di accomodare per terra, su un telo colorato, i soliti oggetti. Un vigile intima lo sgombero e non si allontana fino a quando l'ultimo accendino non è riposto nella scatola di cartone. Tutto avviene in silenzio, secondo un rituale collaudato che non prevede spiegazioni: basta un cenno è la legalità è ristabilita. La scena, molto penosa, si ripete spesso, dicono. Nulla sfugge o dovrebbe sfuggire, a nessun abusivo è consentito di entrare in concorrenza con il mercato legale, neppure in epoca di liberismo estremo. La concorrenza: quei centoventi centimetri quadrati, su suolo pubblico, di merce che tutti noi compriamo per beneficenza, è difficile immaginare che possano impensierire davvero quelli che «noi paghiamo le tasse, eccetera».
Il rischio, solito, è di apparire alfieri dei fuorilegge. Ma occorre dirla qualcosa sulla asimmetria di questa inflessibile linea, reclamata da qualcuno in questa città e in quest'isola baciata dalla fortuna di flussi turistici inattesi - che aeroplani a basso costo scaricano a terra di continuo. Ma povera e memore dell'emigrazione. Per cui ti aspetteresti maggiore comprensione verso questi cascami della globalizzazione a mille facce. A volte conveniente a volte meno. A volte servirebbe un po' di tolleranza o solo di buon senso. E pure un po' di solidarietà. In paesi dell'interno della Sardegna, piccoli e sfigati, dove di emigrati ne sanno di più, si vedono i venditori abusivi che girano porta a porta e gli offrono pure da bere. Non scrivo il nome della città - facile da indovinare - perché la gran parte dei suoi abitanti è ospitale, altruista, ecc. Anche se vota a destra. Ma ecco due considerazioni per spiegare la perplessità su questa sbilenca superefficienza, proprio perché sappiamo qualcosa della tolleranza ampia - ed ecco la asimmetria - verso metriquadri occupati e metricubi realizzati, anche su suolo pubblico, che c'è sempre stata in queste riviere preziose, dove la sera l'estate profuma di mirto rosso e bianco. Molte attività si svolgono su aree demaniali - legittimamente, ci mancherebbe - ma forse con generosità eccessiva di timbri e firme, visto che di spiagge libere non ce ne sono più e che i tavolini di bar e ristoranti occupano con una densità intollerabile strade molto strette e splendide piazzette vista mare impedita dagli ombrelloni. Ci sono poi - al riparo dello slogan «tutti devono lavorare» - trasgressioni continue, specie nelle ore notturne, di cui si da conto spesso sulle pagine dei giornali, perché la violazione alle regole di convivenza civile supera di molto la pazienza degli abitanti. Musica oltre i limiti e violazioni agli orari di chiusura degli esercizi stabiliti nelle ordinanze sindacali. E c'è di più, se si guarda bene. Se si pensa che il giardino di una vecchia scuola nel centro di questa città è stato generosamente messo all'asta, molti mq di area pubblica per farci appartamenti e negozi importanti in cambio di qualche parcheggio. Ecco perché che quel metro quadro di strada occupato - reversibilmente - da un cinese o senegalese appare nella sua vera inoffensiva dimensione.
  • 1
  • 2
  • 3
Prev Next

Che carcere vuole la destra al governo?

Che carcere vuole la destra al governo?

Il 13 ottobre, con l'insediamento del Parlamento, è iniziata la XIX legislatura. Già nei primi giorni alcuni parlamentari hanno presentato delle proposte di legge. Tra queste alcune riguardano il sistema...

A San Vittore reclusa una donna di 85 anni. Antigone: "…

A San Vittore reclusa una donna di 85 anni. Antigone: "Situazione grave, da risolvere il prima possibile"

Da circa due settimane una donna di 85 anni è detenuta presso il carcere milanese di San Vittore. La sua condanna definitiva è di soli 8 mesi, scaturita dall'occupazione abusiva...

Netx steps

Netx steps

Il progetto europeo NEXT STEPS si pone l’obiettivo di sostenere gli istituti penitenziari nello sviluppo professionale e nella reintegrazione dei detenuti. L’obiettivo è quello di contrastare l’alto tasso di recidiva...

Carcere. Ivrea: avvisi di garanzia per le presunte violenze …

Carcere. Ivrea: avvisi di garanzia per le presunte violenze in carcere. Antigone: "grazie alla Procura di Torino per le indagini dopo anni di disinteresse"

Sarebbero 25 gli avvisi di garanzia recapitati ad agenti penitenziari, funzionari e medici in servizio al carcere di Ivrea e accusati, a vario titolo, di lesioni e falsi aggravati per...

59 suicidi, l’allarme inascoltato dell’estate tragica

59 suicidi, l’allarme inascoltato dell’estate tragica

di Patrizio Gonnella su il manifesto del 4 settembre 2022 «Hanno tolto il disturbo 57 detenuti, 57 persone, tutti principini e onesti italiani, hanno tolto il disturbo …finalmente una buona notizia…porca...

Suicidi. Persone, vite, storie. Non solo numeri

Suicidi. Persone, vite, storie. Non solo numeri

  Nei primi mesi del 2022 sono già 59 i suicidi avvenuti nelle carceri italiane. Più di una ogni quattro giorni. Sin dall’inizio dell’anno il fenomeno ha mostrato segni di preoccupante...

Carcere. Nel 2022 già 57 suicidi, lo stesso numero registrat…

Carcere. Nel 2022 già 57 suicidi, lo stesso numero registrato in tutto il 2021. Antigone: "liberalizzare le telefonate"

"Il carcere non è una condanna a morte. È necessario intervenire affinché il dramma che sta interessando gli istituti di pena italiani in questo 2022 si possa fermare". A dirlo...

Rivolte e suicidi in carcere ci raccontano dell'importanza d…

Rivolte e suicidi in carcere ci raccontano dell'importanza dell'affettività

Ad innescare le proteste nelle carceri non fu una cabina di regia criminale. Il motivo va invece ricercato nell'insoddisfazione della popolazione detenuta per la poco dignitosa qualità della vita penitenziaria...

Meglio una telefonata che una manciata di voti incattiviti

Meglio una telefonata che una manciata di voti incattiviti

di Patrizio Gonnella su Il manifesto dell'11 agosto 2022 «Mio figlio si è tolto la vita». «Mio padre si è ammazzato». «Mia sorella si è suicidata». Mio marito, mia moglie, mio...

Carceri. Antigone: "44 suicidi in 7 mesi, chiediamo all…

Carceri. Antigone: "44 suicidi in 7 mesi, chiediamo alle forze politiche e al Governo di non ignorare questo dramma"

"Quattro suicidi negli ultimi 4 giorni. 44 dall'inizio dell'anno. Le persone così diventano numeri. Un dramma continuo, quello che riguarda le carceri italiane, che non trova eguali negli ultimi anni...

Per sopportare il grande caldo bisogna modernizzare la vita …

Per sopportare il grande caldo bisogna modernizzare la vita in carcere e ridurre il sovraffollamento

"Alle ondate di caldo sempre più forti prodotte dai cambiamenti climatici non sono immuni neanche le carceri che, sempre di più, dovranno far fronte anche a questa variabile che può...

Parte l'attacco alle legge sulla tortura

Parte l'attacco alle legge sulla tortura

di Patrizio Gonnella su il manifesto del 26/07/2022 «Difendiamo chi ci difende». Così si è espressa nel 2018 Giorgia Meloni sui social proponendo di cancellare l’attuale legge sulla tortura in quanto...

28 luglio: "La calda estate delle carceri", presen…

28 luglio: "La calda estate delle carceri", presentazione online del Rapporto di metà anno di Antigone

"La calda estate delle carceri" è il titolo del Rapporto di metà anno dell'associazione Antigone che, come consuetudine, fa il punto su quanto avvenuto nei primi mesi negli istituti di...

Summer school: “I luoghi dell’incontro tra disagio psichico …

Summer school: “I luoghi dell’incontro tra disagio psichico e privazione della libertà"

Anche nel 2022 si rinnova l'appunamento con la Summer School organizzata dalla nostra associazione insieme al Dipartimento di Giurisprudenza dell'Università di Torino. La VI edizione, che si terrà per la...

Carceri. Donna perde un bambino al nono mese. Antigone: …

Carceri. Donna perde un bambino al nono mese. Antigone: "tutelare la gravidanza"

A inizio giugno, durante la visita nel carcere di milanese di San Vittore dell’Osservatorio sulle condizioni di detenzione di Antigone, abbiamo incontrato 8 donne in stato di gravidanza. Un numero...

Una telefonata che allunghi la vita

Una telefonata che allunghi la vita

di Patrizio Gonnella su il manifesto del 5 giugno 2022 RIFORMA PENITENZIARIA. È trascorso quasi da un anno da quel 14 luglio in cui la ministra Marta Cartabia e il Presidente...

Un nostro ricordo di Marina Graziosi

Un nostro ricordo di Marina Graziosi

Marina Graziosi è stata parte della riflessione di Antigone sin dall’inizio. Era membro del Comitato scientifico dell’associazione e ci ha accompagnato in molti momenti importanti per la formazione del nostro...

“Diritti al voto”: la campagna di Antigone e dei Garanti ter…

“Diritti al voto”: la campagna di Antigone e dei Garanti territoriali

Il suffragio universale è una conquista fondamentale delle liberaldemocrazie novecentesche. Il diritto internazionale riconosce il solo limite dell’età per accedere al diritto di voto, la cui universalità è affermata nell’art...

Iscriviti alla newsletter
Acconsento al trattamento dei miei dati personali

Il carcere visto da dentro

Dona il 5x1000
AntigoneCinquePerMille

Sostieni Antigone
con una donazione