Ocalan sta morendo Turchia sotto accusa, Il Manifesto, 02/03/07

Diritti umani La denuncia degli avvocati di Abdullah Ocalan. Dove sono l'Europa e l'Italia?
Ocalan sta morendo Turchia sotto accusa
L'avvocato Pisapia chiede al nostro governo un intervento risoluto: «E' un dovere giuridico, politico e morale». I legali turchi invocano l'intervento della Commissione per la prevenzione della tortura Da un'analisi imparziale dei capelli del leader kurdo emergono dati sconvolgenti: il cadmio e lo stronzio hanno una concentrazione altissima e potrebbero provocare la morte del prigioniero recluso dal '99 a Imrali
Loris Campetti
Abdullah Ocalan è in pericolo di vita. Parte da Roma la denuncia dei suoi avvocati: «Lo stanno avvelenando». A dire il vero, il pericolo per la vita del leader kurdo sussiste da quel maledetto giorno in cui venne arrestato in Kenia, grazie a un vero e proprio atto di pirateria internazionale a cui parteciparono, con il sostegno dei famigerati servizi segreti turchi (Mit), i servizi Usa e israeliani - Cia e Mossad. Ocalan era stato «convinto» dal governo D'Alema, sotto la pressione di una Turchia in rivolta contro l'Italia, a lasciare il nostro paese alla volta di una meta sicura. Si è visto quanto sicura. Dal 16 febbraio 1999, Apo (che vuol dire zio, così lo chiamano i kurdi della Turchia) tenta di sopravvivere nel carcere di massima sicurezza di Imrali, uno dei bunker più protetti del mondo, affogato in un'isoletta inavvicinabile del Mar di Marmara.
Qui a Imrali è stato processato, Apo, qui è stato condannato a morte, sentenza poi trasformata in ergastolo e cioè in morte lenta, per mettere a posto la coscienza di un'Europa complice del regime di Ankara. Qui a Imrali Ocalan è costretto a un gravissimo isolamento, rarissimamente gli è consesso di incontrare i familiari e gli avvocati, le sue condizioni peggiorano di mese in mese e i «medici di regime» si limitano a misurargli saltuariamente la pressione, la temperatura e il peso. Dal suo avvocato Irfan Dundar, l'ultimo ad aver incontrato Ocalan, apprendiamo che il leader kurdo del Kongra-gel - sano come un pesce al momento dell'arresto - soffre di angina e faringite e ha gravi problemi di respirazione. Ma tutto questo fa parte della «normalità» carceraria di Imrali, dove Ocalan è l'unico prigioniero. Ora la situazione si è fatta molto più grave, al punto di convincere gli avvocati italiani e turchi - che ieri hanno tenuto una conferenza stampa a Roma - a lanciare un grido d'allarme alle istituzioni e all'opinione pubblica internazionali: forse stanno uccidendo il prigioniero. Forse lo stanno «progressivamente avvelenando».
La storia degli esami di Ocalan è rocambolesca, come tutta la sua vita. In un modo che per ragioni di sicurezza personale non è stato precisato, sei capelli del prigioniero sono stati consegnati al dottor Pascal Kintz in Francia. Si tratta di un'autorità mondiale nell'analisi dei capelli. «Non mi hanno detto di chi fossero - ha precisato nel suo rapporto e ha ribadito dalla Francia in collegamento con la conferenza stampa romana - se non dopo che l'analisi era stata effettuata». Quel che emerge dal rapporto e dal racconto del dottor Kintz è sconcertante, ed è stato confermato da altri due luminari indipendenti, il professor Antonio Oliva dell'Università cattolica del Sacro cuore e il professor Jan Alexander di Oslo. Nel campione prelevato da Ocalan è stata rinvenuta la presenza di 32 elementi, comprese tracce di arsenico, piombo e argento. Quello che più preoccupa, però, è il cromo, presente con una concetrazione 7 volte superiore alla norma, nonché lo stronzio, 100 volte al di sopra della concentrazione media. Ciò spiegherebbe, dicono gli avvocati kurdi Irfan Dundar e Mahmud Sakar, il pesante aggravamento delle condizioni di salute di Ocalan che da tre settimane denuncia, oltre ai problemi antichi, bruciori su tutto il corpo, la pelle che si squama e gravi problemi circolatori alle gambe. Secondo gli esperti che hanno realizzato le analisi e letto i risultati, il prigioniero malato dovrebbe essere subito allontanato da Imrali e trasferito in ospedale dove dovrebbero essere subito effettuati nuovi e più particolareggiati esami. Mentre il cromo3 non è pericoloso, anzi aiuta i processi metabolici, il cromo6 è tossico e addirittura cancerogeno, colpisce il fegato, i reni, la pelle e i polmoni, ha precisato il professor Kintz. La tossicità dello stronzio, invece, non è ancora scientificamente accertata.
Il professor Oliva ritiene neccessaria un'analisi dei luoghi in cui Ocalan è costretto e il controllo delle acque e del cibo che vengono somministrati al prigioniero. E' il caso di ricordare, come fa l'avvocato Giuliano Pisapia che ha difeso Ocalan nel periodo della sua prigionia-soggiorno in Italia fino al suo arresto, e ancora nella richiesta poi accolta di concedergli asilo politico, che il cibo è fornito e controllato direttamente dallo stato turco. Uno più uno fa due, ma fino a prova contraria, cioè fino a quando non saranno fatti esami più approfonditi ad Abdullah Ocalan, nessuno se la sente di trarre conclusioni definitive. Gli avvocati turchi e italiani - insieme a Pisapia era presente alla conferenza stampa anche Mario Angelelli - lanciano un appello alle Nazioni unite, alla Commissione europea e alla Cpt (Commissione europea per la prevenzione della tortura) di intervenire urgentemente nei riguardi del governo turco che ha in custodia Ocalan ed è responsabile della sua salute. Se si vuole salvare il leader kurdo bisogna tirarlo fuori subito dall'inferno in cui è stato abbandatonato. L'Europa avrebbe più d'una carta per farsi sentire con il premier turco Erdogan: l'ingresso di Ankara nell'Ue, che si è già allontanato, anzi congelato in relazione alla vicenda di Cipro, è incompatibile con la costante violazione dei più elementari diritti umani. Anche se le non numerose forze democratiche turche e kurde vedono nell'ingresso in Europa l'unica possibilità di emancipazione del paese dallo stato semidittatoriale in cui oppresso, e anche se alcune aperture alla democrazia sono state avviate negli ultimissimi anni, la vita di Ocalan e il rispetto dei diritti umani sono - devono essere - conditio sine qua non per riaprire i negoziati.
Ma c'è un altro soggetto che ha non poche responsabilità nei confronti dell'uomo che, con pazienza e coraggio, continua a subire una sorte ingiusta e al tempo stesso a indicare soluzioni pacifiche del conflitto kurdo-turco: è l'Italia. «Il governo ha l'obbligo giuridico, politico e morale di intervenire, sollecitando una verifica immediata e chiedendo al governo turco di autorizzare l'ingresso a Imrali» di una delegazione di medici indipendenti per verificare le condizioni di salute di Ocalan. E' possibile sperare che nei confronti della turchia l'Italia mostri un'autorevolezza e un'autonomia un po' maggiori di quelle che sta mostrando con gli Stati uniti?

Iscriviti alla newsletter
Acconsento al trattamento dei miei dati personali

Il carcere visto da dentro

Dona il 5x1000
AntigoneCinquePerMille

Sostieni Antigone
con una donazione