Napolitano: "Rigore sugli ingressi illegali, ma gli immigrati sono una risorsa", La Repubblica, 18/12/06

Il capo dello Stato in un messaggio per la Giornata del Migrante
"Combattere il traffico di vite umane, non abituiamoci alle morti strazianti"

Napolitano: "Rigore sugli ingressi illegali
Ma gli immigrati sono una risorsa"

ROMA - "La strada dell'integrazione è ancora lunga". Così il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano in un messaggio per la "Giornata del Migrante". Per Napolitano la politica da seguire con l'immigrazione deve seguire "coerenza e rigore" nel corso dell'integrazione, ed è necessario, ha aggiunto il presidente, che "gli ingressi avvengano in modo legale".

"Gli immigrati non devono più avere la paura di vivere in condizione irregolare e di sopportare le conseguenze dell'emarginazione che alla irregolarità si associa. E' soprattutto cruciale evitare i gravissimi rischi collegati agli ingressi clandestini, che troppo spesso avvengono per opera di organizzazioni che lucrano sul traffico di vite umane e generano un flusso incontrollato che può anche includere componenti criminali e che comunque provoca allarme nelle comunità nelle quale gli immigrati devono potersi inserire".

"D'altra parte - ha continuato - la criminalità che ha origine dall' immigrazione clandestina ha spesso come vittime gli stessi immigrati: bambini e adulti ridotti a lavorare in condizioni estreme ed umilianti, giovani donne costrette a prostituirsi, persone contrabbandate come merce di nessun valore e talora costrette a subire vere e proprie forme di schiavitù. Nè dobbiamo abituarci a tollerare le morti strazianti che uomini, donne e bambini trovano sulle vie di fuga da guerre, da conflitti interni, da situazioni di povertà e di carestia".

"L'emigrazione italiana - dice il presidente nel suo messaggio - ha subìto una drastica riduzione da diversi decenni e tuttavia non si è mai interrotta. I nuovi emigranti sono ormai in misura limitata lavoratori dipendenti e operai; si tratta soprattutto di tecnici, di imprenditori, di persone altamente qualificate. E sono in forte incremento i laureati italiani che scelgono di lavorare all'estero. Spero che i nuovi, come i vecchi emigrati, si trovino a loro agio nei Paesi che li ospitano, che possano mettere a frutto le loro capacità e vedere realizzati i propri progetti di vita. Tuttavia, spero anche che il nostro Paese sia in grado di offrire loro la possibilità di tornare in Patria, trovando gli stessi supporti e le stesse opportunità che li hanno motivati a partire".

"Ma l'Italia - prosegue l'inquilino del Quirinale - è oggi soprattutto un Paese di immigrazione. Un flusso che contribuisce a colmare carenze di manodopera, che consente alle imprese di produrre e alle famiglie di essere aiutate nella cura dei propri cari - aggiunge il Capo dello Stato -. Gli immigrati rappresentano ormai una quota significativa non solo dei nuovi occupati, ma anche dei nuovi imprenditori. Si tratta di un'immigrazione che si radica positivamente: basti pensare alla consistente presenza dei bambini nelle scuole o ai numerosi immigrati che comprano casa e prodotti di consumo durevole. Ma la strada dell'integrazione è ancora lunga e va affrontata con coerenza e rigore. A tal fine - ribadisce Napolitano - è anzitutto necessario che gli ingressi avvengano per via legale".
Iscriviti alla newsletter
Acconsento al trattamento dei miei dati personali

Il carcere visto da dentro

Dona il 5x1000
AntigoneCinquePerMille

Sostieni Antigone
con una donazione