Oggi il ddl contro gli schiavisti, stranierinitalia.it, 10/11/06

Consiglio dei ministri
Oggi il ddl contro gli schiavisti
Permesso di soggiorno a chi denuncia "gravi condizioni di sfruttamento". Pene più severe per caporali e imprese 

 

ROMA - Il disegno di legge anti-sfruttamento è arrivato stamattina in Consiglio dei Ministri. Una volta approvato aprirà la strada alla regolarizzazione dei lavoratori stranieri ridotti in schiavitù e permetterà di punire più severamente i loro aguzzini.

Il testo, scritto a quattro mani dai titolari dell'Interno e della Solidarietà Sociale con il contributo del ministro del Lavoro, è il frutto di un lungo confronto all'interno dell'esecutivo. Secondo le anticipazioni circolate finora, i pochi articoli che lo compongono ne individuano con precisione il campo di applicazione, scongiurando il pericolo di un'ondata di delazioni e soprattutto di un richiamo per aspiranti clandestini che sanno di poter trovare facilmente un impiego in nero nei campi o sui cantieri italiani.

Il permesso di soggiorno potrà essere rilasciato solo ai lavoratori stranieri che si trovano in "gravi condizioni di sfruttamento" accertate inequivocabilmente dalle autorità. Questa situazione si verificherebbe quando la paga è inferiore di oltre un terzo rispetto ai minimi contrattuali e se ci sono violazioni gravi e sistematiche per quanto riguarda l'orario, i riposi, la sicurezza e l' igiene sul lavoro.

Giro di vite contro i caporali, che dovranno pagare una multa di 9mila euro per ogni lavoratore reclutato e saranno puniti con la reclusione da 3 a 8 anni . Per le imprese che sfruttano i "nuovi schiavi" si prospetta anche l'esclusione per un anno da appalti, contributi e agevolazioni europee. Il lavoro domestico rimane fuori dal campo di applicazione del disegno di legge, ma proprio nel Consiglio dei ministri di oggi il ministro per la famiglia Rosy Bindi potrebbe chiedere un intervento anche contro lo sfruttamento di colf e badanti.

Iscriviti alla newsletter
Acconsento al trattamento dei miei dati personali

Il carcere visto da dentro

Dona il 5x1000
AntigoneCinquePerMille

Sostieni Antigone
con una donazione