Il ddl sicurezza pronto mercoledì. Romania: "No alla xenofobia", La Repubblica, 12/05/08

Da Bucarest nuove proteste: "Non consentiremo sentimenti antiromeni in Italia"
Maroni vedrà i colleghi della Giustizia, degli Esteri, Difesa e Politiche comunitarie

Il ddl sicurezza pronto mercoledì. Romania: "No alla xenofobia"

E La Russa non esclude l'ipotesi di impiegare un esercito nelle zone più calde del Paese 

Il ministro degli Interni Roberto Maroni

ROMA - Il ministro dell'Interno Maroni va avanti spedito e annuncia che mercoledì sarà pronto il decreto sulla sicurezza, in base al quale l'immigrazione clandestina diventerà reato. E da Bucarest arriva una nuova dura protesta: "Attraverso la cooperazione con le autorità italiane non consentiremo che i romeni onesti in Italia siano lesi e che nascano sentimenti antiromeni e xenofobi nella Penisola", dichiara il ministro della Difesa Teodor Melesanu.

"Siamo convinti che esista un reale interesse affinchè le relazioni tra Romania e Italia, che sono ottime, siano protette dalle conseguenze negative di certe misure che potrebbero danneggiarle" ha precisato Melescanu, che ha anche ricordato le circa 25.000 imprese a capitale italiano in Romania e "il contributo dei romeni che lavorano in Italia al Pil della Penisola".

Maroni, che nel pomeriggio incontra il sindaco di Roma Alemanno, vedrà domani i colleghi della Giustizia Alfano, degli Esteri Frattini, della Difesa La Russa e delle Politiche comunitarie Ronchi che ha chiesto di essere coinvolto visto che si discute di chiudere le frontiere per rom e romeni. Niccolò Ghedini, il consigliere più fidato del premier sulle questioni giuridiche, definisce il reato d'immigrazione "un messaggio che va dato" così "i clandestini avranno la certezza che, una volta condannati e buttati fuori, quando torneranno finiranno in carcere senza sconti e ciò avrà un'efficacia dissuasiva". La linea Ghedini è condivisa in toto dalla responsabile Giustizia di An Giulia Bongiorno, ma bocciata dal penalista Gaetano Pecorella. A sinistra, Sergio Chiamparino, ministro "ombra" per le Riforme del Pd e sindaco di Torino, si allarma per i Cpt che, da centri di permanenza, diventeranno centri di detenzione. L'ex presidente Francesco Cossiga liquida il pacchetto come una "follia" e minaccia: "Se lo presenteranno capeggerò non l'opposizione, ma la rivolta".
Intanto, il ministro della Difesa Ignazio La Russa, intervistato da La Sicilia, sulla possibilità di utilizzare i militari nelle zone più calde del Paese come la Calabria e la Campania, ha affermato che "Se l'esercito può essere utile anche per compiti interni si vedrà, è una possibilità che al momento non mi sento di scartare perché la sicurezza nel Paese è prioritaria". A tal proposito ha ricordando "l'esempio positivo dei Vespri siciliani" che vide i soldati impegnati nell'isola in una fase di emergenza mafia.
Iscriviti alla newsletter
Acconsento al trattamento dei miei dati personali

Il carcere visto da dentro

Dona il 5x1000
AntigoneCinquePerMille

Sostieni Antigone
con una donazione