Anci - Minori stranieri non accompagnati ’volto invisibile dell’immigrazione’, meltingpot.org, 08/04/08

Anci - Minori stranieri non accompagnati ’volto invisibile dell’immigrazione’

Vengono sempre piú spesso definiti il ’volto invisibile dell’immigrazione’, sono i minori stranieri non accompagnati che negli ultimi tre anni, dal 2004 al 2006, continuano a giungere nel nostro paese in un numero sempre crescente, il 19 per cento in piu’(nel 2004 erano 6629, nel 2006 7870); fra questi, per la prima volta, sono molti quelli che provengono dall’Afghanistan. Da rilevare poi che ben il 60 per cento non ha alcun permesso di soggiorno, mentre sono in aumento (piu’ 146%)i richiedenti asilo.

Per cercare di gettare un cono di luce sul fenomeno l’Anci, l’associazione nazionale dei Comuni italiani, ha messo a punto un’indagine nazionale, presentata ieri a Roma, sulla presenza dei minori non accompagnati nel nostro Paese. ’Lo abbiamo fatto - ha detto il responsabile immigrazione dell’Anci e sindaco di Ancona, Fabio Sturani - nella convinzione che attraverso una piú approfondita conoscenza del fenomeno, si possa migliorare la qualità delle politiche sociali di protezione e degli interventi amministrativi a favore dell’integrazione dei minori’. Sono il Lazio, l’Emilia-Romagna, il Friuli Venezia Giulia e la Lombardia, le regioni dove, nel 2006, si concentra piú della metà dei minori stranieri non accompagnati, il 54,5% del totale. Il fenomeno riguarda prevalentemente minori maschi (il 78%) appena sotto la soglia della maggiore età (il 47% ha 17 anni), provenienti soprattutto dall’Afghanistan (per la prima volta), ma anche da Romania, Albania, Marocco. I Comuni - che per legge hanno l’obbligo di farsi carico del minore anche economicamente (la spesa per ciascuno è in media di 77 euro al giorno) - coinvolti dall’indagine nazionale sono stati 5328 (circa il 70% dei Comuni italiani). Di questi, il 21%, 1110 Comuni, ha preso in carico 6629 minori nel 2004, 7593 nel 2005 e 7870 nel 2006. A farsene carico sono principalmente le città con piú di 100.000 abitanti (60% nel 2006) e le città medie passando dal 23% nel 2004 al 30% nel 2006. I minor entrati in strutture di prima accoglienza hanno registrato un forte incremento: 4930 nel 2004, 6041 nel 2005 e 6102 nel 2006; spicca il caso della Sicilia, che vede un incremento di +151%. Ma è da rilevare che molti di questi giovani scappano: nel 2006 si è reso irreperibile il 62% dei minori accolti.

Complessivamente quelli affidati a parenti, connazionali o a italiani sono stati, nel 2006, poco piú del 7%. Nel triennio considerato il Lazio, l’Emilia-Romagna e la Lombardia hanno accolto in prima accoglienza tra il 57 e il 59% del totale dei minori stranieri non accompagnati.Nel 2006, nelle città tra i 15.000 e i 100.000 abitanti, dove viene accolto il 22% dei minori, il numero raddoppia nel corso del triennio, registrando una variazione relativa del 76%. Realtà in aumento anche nei piccoli Comuni dove si registra un incremento del 62%. Dall’indagine emerge inoltre che il 60% dei minori stranieri accolti in seconda accoglienza non hanno un permesso di soggiorno. Su 3.515 minori accolti, solo il 40,7% risulta averne uno, di cui il 32,5% per minore età e l’8,3% per affidamento. In Sicilia solo 9% ne ha uno e in Lazio e Campania, addirittura, poco piú dell’1%. Un ultimo dato:l’aumento significativo della presenza nel triennio considerato, pari al +146%, passando da 102 nel 2004 a 251 nel 2006 di minori richiedenti asilo; il 70% del totale proveniva dall’Afghanistan (Kabul, Ghazni) seguito da Etiopia (Addis Abeba), Eritrea (Asmara) ed Iraq (Baghdad, Mossul). La Regione con il maggior numero è il Lazio, con un aumento del +162%, cosí come l’Emilia-Romagna e il Veneto.

Fonte: ADUC
Iscriviti alla newsletter
Acconsento al trattamento dei miei dati personali

Il carcere visto da dentro

Dona il 5x1000
AntigoneCinquePerMille

Sostieni Antigone
con una donazione