Mosca, massacrata dagli skinheads. Allarme xenofobia in Russia, La Repubblica, 27/03/08

Accoltellata per strada una donna del Tagikistan da una banda di teste rasate
Escalation di violenza razzista nella capitale: 17 morti da gennaio

Mosca, massacrata dagli skinheads. Allarme xenofobia in Russia

MOSCA - Era una donna immigrata e questo è stato sufficiente per ucciderla. Un gruppo di giovani skinheads ha tagliato la gola ad una donna del Tagikistan davanti a terrorizzati passanti lungo una strada di un quartiere a nord di Mosca.

"Un omicidio a sfondo razziale" scrivono i giornali russi. Dall'inizio dell'anno, nella sola Mosca, sono stati 40 le aggressioni xenofobe ma secondo il centro studi umanistici Sova, in tutta la Russia gli attacchi in questi ultimi tre mesi sono stati oltre un centinaio con un bilancio di 17 morti e 92 feriti, di cui alcuni gravi. Le statistiche del 2007 non sono ancora state aggiornate, ma nel 2006 ci sono state oltre 539 aggressioni, con 54 morti: un aumento del 17% rispetto all'anno precedente.

Le bande di skinheads e neonazisti li chiamano spregiativamente "neri". Sono gli immigrati provenienti dalle repubbliche ex sovietiche, vittime predestinate della violenza razzista delle 50.000 teste rasate o dei neohitleriani che prosperano soprattutto a Mosca, a San Pietroburgo e nelle principali città russe.

La violenza xenofoba in Russia sembra un cancro che le autorità non riescono a debellare. Quattro anni fa un gruppo di skinheads armati di mazze da baseball, catene e coltelli, attaccarono brutalmente tre immigrati tagiki a San Pietroburgo. Una bambina di 9 anni, colpita 11 volte, morì tra le braccia di suo padre. In ognuna delle case degli imputati, anche nell'appartamento del principale responsabile del crimine - appena un 14enne - gli agenti trovarono scritti neonazisti. Sempre a San Pietroburgo, quattro mesi prima, una piccola rom di sei anni fu picchiata a morte fuori da una stazione ferroviaria.
La Pravda online, il 2 aprile scorso, diede notizia dell'apertura di un'inchiesta sulla morte di un'altra vittima della violenza razzista, un giovane antifasista di 17 anni, pestato a morte da sette skinheads a Izhevsk, capoluogo della Repubblica di Udmutria, 1.200 chilometri a sud-est di Mosca. "Le forze dell'ordine - scrisse la Pravda - hanno fermato quattro giovani di età compresa tra i 17 e i 20 anni sospettati dell'aggressione".

Ma le cronache più recenti sono piene di episodi simili ugualmente drammatici. A metà maggio scorso, uno studente ebreo fu accoltellato a morte sotto casa a San Pietroburgo. Studiava biologia all'università della città ma insegnava anche presso un liceo privato ebraico e questo, il gruppo antisemita che lo ha aggredito, non lo sopportava. Lo hanno colpito con 12 coltellate; la madre ha scoperto il cadavere del figlio nell'androne del portone dove abitavano.

A febbraio, appena un mese e mezzo fa, le vittime di omicidi a sfondo etnico erano state sei nel giro di una settimana, quasi un morto al giorno. Tra le vittime, un kirghizo - del Kirghizistan - che lavorava in un supermercato e un altro giovane azero - dell'Azerbaijan - entrambi accoltellati a morte per le strade di un quartiere a sud-est di Mosca. Non avevano altra colpa che essere degli immigrati.
Iscriviti alla newsletter
Acconsento al trattamento dei miei dati personali

Il carcere visto da dentro

Dona il 5x1000
AntigoneCinquePerMille

Sostieni Antigone
con una donazione