Amnesty: 2800 migranti rinviati in Libia senza identificazione (21.12.05)

Source : stranierinitalia.it

La denuncia
Amnesty: 2800 migranti rinviati in Libia senza identificazione

Nel rapporto "Lampedusa: ingresso vietato" Amnesty International prende posizione contro le "deportazioni e contro le gravi violazioni del principio di non-respingimento dei rifugiati e richiedenti asilo"
Invia questo articolo   Stampa questa pagina   Ingrandisci il testo   Diminuisci il testo

ROMA - In un anno almeno 2.778 migranti, ma forse anche di più, sono stati rimandati in Libia poche ore dopo il loro arrivo a Lampedusa, "senza avere avuto accesso a metodi appropriati di identificazione né alla procedura di asilo, e dopo essere stati selezionati in tutta fretta sulla base della loro nazionalità presunta".

Lo afferma un rapporto della sezione italiana di Amnesty International - "Lampedusa: ingresso vietato" - che sintetizza l'ultimo anno di mobilitazione contro quelle che definisce "deportazioni e contro le gravi violazioni del principio di non-respingimento dei rifugiati e richiedenti asilo".

Contro queste violazioni - sottolinea una nota dell'organizzazione - hanno preso posizione molte altre ong, l'Alto commissariato Onu per i rifugiati e il Parlamento europeo. Nel rapporto, Amnesty International "denuncia gli accordi fra l'Italia e la Libia, risalenti al 2000, il cui contenuto è tuttora segreto, e la preoccupante situazione dei diritti umani nel paese nordafricano.

Il rapporto, inviato al ministro dell' interno, ricorda anche l'allarmante situazione dei cpt, la mancata assistenza legale e le condizioni di detenzione inadeguate dei cittadini stranieri che arrivano alla frontiera marittima italiana".

(21 dicembre 2005)


Iscriviti alla newsletter
Acconsento al trattamento dei miei dati personali

Il carcere visto da dentro

Dona il 5x1000
AntigoneCinquePerMille

Sostieni Antigone
con una donazione