Venduti come schiavi L'odissea di 5 tunisini, Il Manifesto, 06/03/08

Venduti come schiavi L'odissea di 5 tunisini
a.f.
 Genova

Ceduti come fossero schiavi da una ditta a un'altra. Privati dello stipendio pur essendo assunti a tempo indeterminato e in regola con il permesso di soggiorno: succede a cinque tunisini impiegati in un'azienda italiana con sede a Napoli, una tra le tante che lavorano in appalto in Fincantieri a Sestri Ponente. L'ennesima storia di sfruttamento contro ogni regola sindacale è emersa grazie al coraggio dei immigrati che hanno denunciato l'accaduto alla Fiom-Cgil. «Questi lavoratori sono entrati in Italia con il permesso di soggiorno garantito dal nuovo decreto dei flussi, hanno trovato un contratto a tempo indeterminato e il datore di lavoro aveva anche assicurato loro un alloggio gratuito - spiega Bruno Manganaro della Fiom-Cgil di Genova - A gennaio invece si sono trovati con un nuovo cartellino per entrare alla Fincantieri in cui risultava il nome di una nuova ditta, per altro a loro sconosciuta. Qualche giorno fa ci hanno cercato e venerdì scorso come Fiom abbiamo inviato una lettera alla vecchia azienda, a quella nuova, alla Fincantieri e alla Direzione provinciale del lavoro e abbiamo formalizzato alla vecchia azienda una diffida a licenziare i lavoratori in regola. E' chiaro che questi rischiano di essere cacciati senza neppure una lettera di licenziamento».
I cinque fanno parte di una piccola comunità di una quarantina di tunisini che lavorano nell'edilizia, nelle riparazioni e nella cantieristica. In particolare i cinque sono operai specializzati nelle posa di tubi. L'assunzione a tempo indeterminato sembrava un'assicurazione per il futuro. Il badge con la foto, nome e cognome un'ulteriore conferma, anche se come tutti i lavoratori in appalto passano dallo sportello di controllo dei lavoratori terzi e non da quella dei dipendenti diretti di Fincantieri. Alla Fincantieri che continua a sfornare navi da crociera di dimensioni sempre più elevate i dipendenti diretti sono infatti 850, mentre si calcola che ci siano 250 ditte in appalto con 2200 lavoratori circa che entrano quotidianamente a costruire pezzi di navi, dallo scafo in poi tutte le rifiniture con competenze che vanno dall'operaio metalmeccanico al falegname. Al gruppo di tunisini in generale è andata bene e hanno trovato situazioni lavorative «normali», mentre ai cinque da gennaio oltre al cambio d'azienda non è più arrivato un euro. E invece dell'alloggio gratuito promesso dal datore di lavoro originario si sono trovati per tutti questi mesi a pagare una pigione. A questo punto la Direzione provinciale del lavoro sta indagando sull'intera questione.
Iscriviti alla newsletter
Acconsento al trattamento dei miei dati personali

Il carcere visto da dentro

Dona il 5x1000
AntigoneCinquePerMille

Sostieni Antigone
con una donazione