Flussi, registrazioni oltre quota 170mila, Metropoli, 11/12/07

Flussi, registrazioni oltre quota 170mila

Sono più di 170mila le persone che dal primo dicembre si sono registrate sul sito internet del Viminale (www.interno.it) per richiedere un'assunzione con il decreto flussi 2007. Il numero di utenti iscritti ha dunque superato, quando mancano ancora quattro giorni dal primo "clic day", quello dei posti disponibili. Intanto il ministro dell'Interno Giuliano Amato ha ribadito: "Se preferiamo difendere la nostra identità limitando il numero degli immigrati dobbiamo anche accettare il nostro declino"

ROMA - Cinque giorni fa erano stati 110.000 gli utenti registrati e 740.000 le pagine scaricate sul sito del ministero dell'Interno per accedere ai dispositivi del decreto flussi 2007; ieri sera gli utenti iscritti, fra associazioni e privati cittadini, hanno superato quota 170.000. Il loro numero ha dunque già superato la quota di nulla osta che potranno essere autorizzati dal decreto flussi.

Ulteriore conferma, a quattro giorni dal primo “clic day”, che il tetto di assunzioni fissato dal provvedimento è inferiore rispetto alle esigenze delle famiglie e delle imprese. E i più fortunati saranno i più veloci nella spedizione delle domande. Il dato nazionale è confermato anche a livello locale: in provincia di Modena, sono stati scaricati seimila moduli ma i posti disponibili a livello provinciale saranno solo 2.600.

Anche a Padova, il presidente di Unindustria Francesco Peghin ha ricordato che il territorio ha bisogno di almeno 4.000 lavoratori stranieri: altrimenti sarà il collasso. Lo stesso ministero dell'Interno prevede un numero di richieste (almeno 300mila) nettamente superiore al tetto fissato nel decreto. Mentre ieri in un'intervista il ministro Giuliano Amato ha ribadito: “se preferiamo difendere le nostre identità europee ed evitare tensioni limitando il numero degli immigrati dobbiamo anche accettare il nostro declino”.

Dal primo al 5 dicembre, oltre 110mila utenti si sono registrati sul portale del ministero dell'Interno: soprattutto privati cittadini (102.328). I moduli scaricati sono stati 109.333, dei quali 65mila solo per l'assunzione di lavoratori domestici. Altri 21mila per lavoro subordinato, “solo” 700 per la conversione del permesso di soggiorno. Fra i moduli richiesti ce ne sono stati 14mila che riguardano lavoratori marocchini, circa il triplo dei 4.500 posti disponibili. Superato il tetto anche per i moldavi (8.100 moduli contro 6.500 posti) e i filippini (6.200 contro 5.000). Tra le nazionalità in controtendenza l'Albania, che pur essendo titolare di quote “riservate” non ha fatto registrare un particolare picco di domande.

Dal primo dicembre, data di avvio della procedura, le sedi del patronato Inca Cgil e gli uffici immigrazione della confederazione vengono contattati da circa 16 mila persone al giorno. A fornire il dato è stato Piero Soldini, responsabile nazionale Immigrazione della Cgil. Soldini ha osservato che, se la tendenza dovesse essere confermata fino al primo dicembre, porterebbe il saldo finale a oltre 200 mila persone, anche se non tutti i contatti si trasformeranno in domande di assunzione.

Secondo Soldini "sarebbe necessario rassicurare gli imprenditori, le famiglie e i lavoratori immigrati che, se ci sono i requisiti, tutte le domande verranno accolte, anche oltre il tetto dei 170 mila, attraverso il prossimo decreto flussi del 2008". Questo, secondo il sindacalista, "allenterebbe la tensione e frenerebbe il fenomeno dei faccendieri che speculano vergognosamente sugli immigrati".

***

L'elenco completo delle organizzazioni convenzionate (organizzazioni dei datori di lavoro, patronati, sindacati e associazioni) che offrono il servizio gratuito di compilazione è disponibile sul sito del ministero dell'Interno.

Sul sito del ministero della Solidarietà sociale la circolare con la distribuzione regionale dei 170mila ingressi di lavoratori extraUe autorizzati dal Decreto flussi 2007, che è stato pubblicato sulla Gazzetta ufficiale di venerdì 30 novembre.

La tabella riepilogativa
Le quote riservate
Le altre nazionalità
Conversioni dei permessi di soggiorno

Anche il ministero dell'Interno ha emanato il 30 novembre una circolare applicativa, in cui si precisa fra l'altro che l'orario di riferimento del sistema informatico è sincronizzato con il time server dell'Istituto elettrotecnico nazionale Galileo Ferraris di Torino. Il Viminale fa poi sapere che sono state messe a punto procedure di rafforzamento del server per evitare ingolfamenti del sistema durante i tre "clic day".

Sarà il 15 dicembre il primo giorno utile per spedire la domanda, secondo il seguente calendario:
- dalle 8 di sabato 15 dicembre per le “quote riservate” a cittadini originari dei seguenti 14 Paesi:
Albania, Algeria, Bangladesh, Egitto, Filippine, Ghana, Marocco, Moldavia, Nigeria, Pakistan, Senegal, Somalia, Sri Lanka, Tunisia a prescindere dal tipo di lavoro;
- dalle 8 di martedì 18 dicembre per colf, badanti e lavoratori domestici di altre nazionalità;
- dalle 8 di venerdì 21 dicembre per tutti gli altri (comprese le conversioni del permesso di soggiorno; in quest'ultimo caso non rileva la nazionalità).

A Roma, per agevolare la compilazione, la prefettura ha aperto tre sportelli dedicati al Decreto flussi nella sede di via Ostiense 131L. Gli sportelli sono aperti tutti i giorni dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18. L'Arci nazionale ha attivato un numero telefonico gratuito per informazioni e orientamento sulla nuova procedura. Il numero verde 800.999.977 è attivo dal 26 novembre dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 18.

Materiali utili:
Il Decreto flussi
La pagina iniziale per la registrazione (sul sito www.interno.it)
Il software per Windows
Il sofwtare per Linux
Il software per Mac OS X Leopard
Il manuale utente (formato pdf)

Le domande frequenti
L'elenco dei moduli disponibili
La guida per l'assunzione dei domestici (power point)

Iscriviti alla newsletter
Acconsento al trattamento dei miei dati personali

Il carcere visto da dentro

Dona il 5x1000
AntigoneCinquePerMille

Sostieni Antigone
con una donazione