Roma, nelle scuole arrivano i menù etnici, Metropoli, 11/10/07

Roma, nelle scuole arrivano i menù etnici

Una nazione al mese nelle mense delle scuole romane. E' il progetto "Ogni mese un paese", promosso dall'assessorato alle Politiche educative e scolastiche del Comune di Roma, in collaborazione con l'università La Sapienza e con l'istituto San Gallicano. Si conosceranno i piatti, la storia e la cultura dei paesi più rappresentati in Italia. Si comincia con il Bangladeshdi Antonia Ilinova

ROMA - Da questo ottobre a maggio del prossimo anno, ogni mese nelle mense delle scuole romane entrerà una nazione, con la sua cultura culinaria e la sua storia. Si tratta del progetto “Ogni mese un paese” promosso dall'assessorato alle Politiche educative e scolastiche del Comune di Roma, in collaborazione con l'università “La Sapienza” e con l'istituto San Gallicano.

Zuppa alla rapa rossa polacca, riso basmati del Bangladesh, patate alla peruviana, involtino di carne con foglie di verza romena, pollo in agrodolce filippino e cous cous del Marocco. Ai 160mila bambini che mangiano nelle scuole dell'infanzia, elementari e medie, per un giorno al mese verrà servito un menù etnico appartenente a uno degli otto paesi maggiormente rappresentati in Italia. Si comincia con il Bangladesh e a seguire ci sono Romania, Albania, Polonia, Perù, Cina, Marocco e Filippine.

“Abbiamo sempre pensato al pranzo come a un momento anche educativo – dice l'assessore Maria Coscia – per questo abbiamo voluto dare spazio all'incontro tra diverse tradizioni gastronomiche. E' un altro modo per far conoscere ai bambini italiani altre culture e allo stesso tempo di non far perdere ai migranti le loro radici. Tutto verrà accompagnato da un'adeguata informazione per i genitori e l'assoluta garanzia sulla sicurezza degli alimenti, in modo da evitare un approccio errato con l'iniziativa”.

Il progetto è infatti accompagnato da otto opuscoli, uno per ogni paese, tramite cui mamme, papà, insegnanti e alunni, potranno conoscere la storia nazioni interessate, attraverso aspetti socio-economici, ambientali, alimentari. Tra una fotografia e l'altra si parla anche del fenomeno migratorio, dei cibi simbolici, di festività, fiabe e curiosità. Non mancano le ricette delle pietanze che verranno offerte ai bambini.

Spiega Aldo Morrone, uno dei realizzatori dell'iniziativa: “Con questo progetto abbiamo voluto dimostrare che le differenze rappresentano una ricchezza. Contemporaneamente, vogliamo educare i più piccoli a un'alimentazione sana, fatta di prodotti sicuri e genuini. I cibi sono sempre gli stessi, la diversità sta nelle combinazioni e nelle spezie. Ma nulla è lasciato al caso, dietro questa idea c'è un grande lavoro scientifico”.

A Roma gli stranieri che frequentano le scuole, dal nido alle superiori, sono circa 30mila, 9 percento del totale, e appartengono a 170 diverse nazionalità. “La ristorazione deve essere un'occasione di scambio - dice Paola Scardella, una delle ideatrici – vorremmo che il giorno dedicato al menù etnico diventi un giorno di festa e che dia modo di abituare il palato dei bambini a sapori nuovi, così da aprire la loro mente alle diverse culture”.

Iscriviti alla newsletter
Acconsento al trattamento dei miei dati personali

Il carcere visto da dentro

Dona il 5x1000
AntigoneCinquePerMille

Sostieni Antigone
con una donazione