Tragedia di Livorno: l'Italia ha già recepito la direttiva comunitaria del 2000 contro le discriminazioni etniche e razziali, Ministero dell'Interno, 13/08/07

Tragedia di Livorno: l'Italia ha già recepito con il decreto legislativo n. 215 del 2003 la direttiva comunitaria del 2000 contro le discriminazioni etniche e razziali

Lo precisa in un comunicato il Viminale, che annuncia una Conferenza sui rom: "il decreto è stato ritenuto non soddisfacente rispetto a tre aspetti specifici della direttiva che, tuttavia, non riguardano la questione dei rom"

La direttiva comunitaria n. 43 del 2000 contro le discriminazioni etniche e razziali è stata attuata dall’Italia con il decreto legislativo 9 luglio 2003, n. 215 (Attuazione della direttiva 2000/43/CE per la parità di trattamento tra le persone indipendentemente dalla razza e dall'origine etnica). Lo precisa il Viminale in un comunicato con il quale il Ministero dell’Interno interviene nel dialogo a distanza tra Governo italiano e Unione europea sul “problema rom”, tornato alla ribalta in occasione della morte dei quattro bambini rom avvenuta a Livorno l’11 agosto scorso.

Un problema politico complesso ancora da risolvere a livello europeo – secondo le parole del premier italiano Romano Prodi – rispetto al quale, invece – secondo la portavoce del commissario Ue agli affari sociali, Vladimir Spidla - l'Italia non avrebbe ancora recepito la direttiva europea contro le discriminazioni basate sulla razza e sull'etnia. 


Il testo del comunicato

La direttiva comunitaria n. 43 del 2000 contro le discriminazioni etniche e razziali promossa dalla Presidenza Prodi é stata attuata dall'Italia con decreto legislativo n. 215 del 9 luglio 2003. Tale decreto del 2003 è stato ritenuto non soddisfacente rispetto a tre aspetti specifici della direttiva e per questo è stato oggetto dei rilievi sollevati in sede UE. Si tratta di  aspetti che vanno corretti e che, tuttavia, non riguardano la specifica  questione dei rom.

In relazione ai rom è vero che l'Italia non ha riconosciuto loro i diritti  delle minoranze, che la nostra legge conferisce alle sole minoranze  linguistico-territoriali. 

D’intesa con la Presidenza del Consiglio, al Viminale è in corso da mesi il lavoro preparatorio, al quale stanno partecipando anche le associazioni che rappresentano gli stessi rom, per una  conferenza prevista per il prossimo mese di ottobre in vista delle  necessarie e giuste iniziative legislative. Una conferenza che servirà anche per cominciare a rimuovere i pregiudizi verso i rom e la generalizzata  diffidenza nei loro confronti che hanno indotto sino ad ora ad ignorare il problema.

Iscriviti alla newsletter
Acconsento al trattamento dei miei dati personali

Il carcere visto da dentro

Dona il 5x1000
AntigoneCinquePerMille

Sostieni Antigone
con una donazione