I mediatori chiedono regole e diritti certi, Metropoli, 07/06/07

I mediatori chiedono regole e diritti certi

A Roma i mediatori culturali si sono riuniti per la prima giornata nazionale della categoria. In assenza di una regolamentazione nazionale del loro lavoro, chiedono il riconoscimento della loro professionalità e lamentano le difficoltà per l'accesso al lavoro dovute alla confusione che regna nel settore su requisiti e i titoli di studio richiesti per esercitare. Per questi motivi è nata l'Apimec (Associazione professionale dei mediatori culturali), che ha stilato un documento con le sue rivendicazionidi Livia Ermini

ROMA - Una professionalità riconosciuta a livello nazionale. La chiedono i mediatori culturali che si sono riuniti a Roma nella Prima giornata nazionale della categoria. Realtà insostituibile nella gestione dei servizi per gli immigrati in settori nevralgici della pubblica amministrazione, dalla sanità alla scuola e alla giustizia, questi lavoratori non godono ancora di uno status giuridico. Per loro l'accesso al lavoro avviene ancora in maniera casuale, con il passaparola o la casualità del “trovarsi nel posto giusto al momento giusto”. Nella maggior parte dei casi debbono affidarsi ad associazioni del terzo settore che si aggiudicano i fondi stanziati dalle istituzioni per progetti di mediazione. Senza contare che, non essendoci alcuna normativa in materia, sono le Regioni a gestire inserimento lavorativo e trattamento del mediatore, il che significa difformità di trattamento economico e di organizzazione.

Come se non bastasse, esiste una gran confusione sui requisiti e i titoli di studio che il mediatore deve possedere. Così si moltiplicano i corsi di formazione che assicurano di “creare” professionisti in 25 ore. Si crea un'ingiusta concorrenza tra chi ha alle spalle un'esperienza di molti anni o diversi attestati e chi si improvvisa con poche ore sui banchi.

Per questo motivo è nata l'Apimec (l'Associazione professionale italiana dei mediatori culturali), una realtà che, attraverso un comitato costituente, ha redatto un documento in cui pochi e salienti punti delineano le caratteristiche che il mediatore culturale deve possedere. Conoscenza della cultura italiana, delle normative sull'immigrazione, ma anche competenza comunicativa e flessibilità mentale. Si chiedono poi stipendi stabiliti su scala nazionale e la creazione di un comitato scientifico costituito da organizzazioni, istituzioni e mediatori stessi che attuino una verifica sui corsi professionali. Si pensa ad un sindacato.

“E' ora che siano i mediatori a definire le caratteristiche di questa figura” è il messaggio che esce dalla giornata di confronto. Giornata a cui sono intervenuti anche i rappresentanti delle istituzioni. Assessori comunali e regionali, ma anche il consulente del ministro della Solidarietà sociale Ferrero. Paolo Naso concorda con l'idea che una figura professionale debba essere delineata e propone un percorso comune tra ministeri, esperti, sindacati e associazioni di immigrati e l'istituzione di una Consulta ad hoc (che dovrebbe iniziare a lavorare tra poche settimane).

“E' un passo indietro - dice Maristella Gaszowska del comitato costituente dell'Apimec- il documento esiste già”, ma raccoglie comunque la mano tesa del Ministro. C'è poi la voce delle associazioni che attualmente gestiscono la mediazione. “Questa è una giornata storica, per la prima volta tutti i nostri interlocutori si sono seduti ad uno stesso tavolo” dice Latif Alsaad, uno dei fondatori dell'Apimec. C'è il Cnel (consiglio nazionale economia e lavoro), l'Oim (organizzazione internazionale della migrazioni) il San Gallicano con il prof. Morrone e diverse ong. Tutti concordi sul bisogno di uscire dalla confusione in cui naviga la materia. Sul metodo i pareri sono discordi: ordine professionale no, sindacato si, ma il dibattito continua. Intanto ci si rimboccano le maniche. L'associazione nata a Roma si raccorderà con le altre realtà del territorio italiano. In testa un progetto ambizioso: organizzare entro un anno un congresso nazionale.

Iscriviti alla newsletter
Acconsento al trattamento dei miei dati personali

Il carcere visto da dentro

Dona il 5x1000
AntigoneCinquePerMille

Sostieni Antigone
con una donazione