Stranieri: in vigore la nuova disciplina dei soggiorni di breve durata per visite, affari, turismo e studio, Ministero dell'Interno, 05/06/07

Stranieri: in vigore la nuova disciplina dei soggiorni di breve durata per visite, affari, turismo e studio


Pubblicata nella Gazzetta Ufficiale del 1° giugno la legge 28 maggio 2007, n. 68, che introduce la disciplina dei soggiorni di breve durata degli stranieri per visite, affari, turismo e studio.

La legge, in vigore dal 2 giugno, prevede che non sia richiesto il permesso di soggiorno, nel caso di permanenza in Italia per un periodo inferiore a tre mesi. In questo caso, si applicano le disposizioni contenute nell'articolo 4, comma 2, del decreto legislativo n.286/1998 (testo unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell'immigrazione e norme sulla condizione dello straniero), che prevede l'equiparazione dei visti rilasciati dalle rappresentanze diplomatiche e consolari italiane a quelli emessi, sulla base di specifici accordi, dalle autorità diplomatiche o consolari di altri Stati.

Al momento dell'ingresso o entro otto giorni da esso, in caso di provenienza da Paesi dell'area Schengen, lo straniero deve dichiarare la sua presenza all'autorità di frontiera o al questore della provincia in cui si trova.

Iscriviti alla newsletter
Acconsento al trattamento dei miei dati personali

Il carcere visto da dentro

Dona il 5x1000
AntigoneCinquePerMille

Sostieni Antigone
con una donazione