Istat: il 45% degli immigrati che diventa italiano è grazie al matrimonio, stranierinitalia.it, 23/05/07

Il dato
Istat: il 45% degli immigrati che diventa italiano è grazie al matrimonio
Con le nozze 180 mila stranieri hanno ottenuto la cittadinanza italiana fino al 2005

 

ROMA - Cittadini italiani causa nozze: circa il 45% delle acquisizioni di cittadinanza concesse fra il 1996 e il 2004 è per motivi matrimoniali. L'Istat stima in 180 mila gli stranieri che hanno ottenuto la cittadinanza italiana fino al 2005.

I matrimoni misti rappresentano la quota più consistente del complesso dei matrimoni con almeno uno sposo straniero (83%) e nel 2005 ammontano a circa 23.500 nozze (9,6% del totale). La tipologia più frequente è quella in cui lo sposo è italiano e la sposa straniera. Nel 2005 si sono celebrate oltre 33 mila nozze con almeno uno sposo straniero (13,3%). Gli italiani sposano soprattutto donne dell'Europa dell'Est mentre le italiane uomini nordafricani. Tra sposi italiani e spose straniere la differenza di età è forte: 41 anni contro 32,4. Fra le italiane e gli stranieri la situazione è inversa, 31,8 e 32,4 anni. Le separazione e i divorzi nelle unioni miste è in aumento: più 85% fra il 2000 e il 2005.

QUANTI STRANIERI IN ITALIA. Sono quasi tre milioni, il 4,7% dei residenti. In un anno c'é stato un aumento dell'11,2% (268 mila). In 10 anni si sono quadruplicati. L'88% vive al Centro-Nord.

IMMIGRATI GIOVANI. 1 su 2 ha fra i 18 e 39 anni (50,8% contro il 28,8% degli italiani). In 4 anni sono raddoppiati i minori, dal 2,9 al 5,9%.

DA DOVE GIUNGONO. Dalla Romania (271 mila), Albania (257 mila), Marocco (240 mila). Seguono con oltre 100 mila la Cina (aumento annuo del 22,4%) e l'Ucraina. Dai paesi dell'Est di nuova entrata nell'Ue c'é un aumento annuo del 24,1%.

STRANIERI LAVORATORI. Sono il 6%. Quasi 3 stranieri su 4 sono operai o svolgono un lavoro non qualificato. Il tasso di disoccupazione è dell'8,6%, due punti in più degli italiani.

DONNE SONO PER LO PIU' COLF. Dal 2000 al 2004 i lavoratori domestici extra Ue è più che raddoppiato, da 134 mila ad oltre 366 mila.

IMPRENDITORE E' UOMO. Sono il 77% della categoria. Tra il 1998 e il 2005 sono passati da circa 35 mila a 106 mila; le donne da 14 mila a 32 mila. La crescita maggiore fra gli asiatici, soprattutto fra le donne e nell'industria. Gli imprenditori non Ue15 sono presenti per lo più nel commercio, alberghi e ristoranti (33,6% del totale). Quasi il 5% degli imprenditori è uno straniero non Ue.

PIU' FREQUENTE LA MOBILITA'. Fra gli stranieri si registra una mobilità del 73,6% contro il 22,1% di quella fra gli italiani. Il motivo principale è il lavoro.

QUANTI DELINQUONO. E' aumentato del 174,8% il numero degli stranieri denunciati in 9 anni contro un aumento di presenza regolare del 229%. I principali reati sono furto (19%), spaccio di stupefacenti (11,7%), ricettazione (11,6%). E' straniero il 21% degli imputati ed un terzo dei detenuti.

SCARICA IL RAPPORTO COMPLETO

Iscriviti alla newsletter
Acconsento al trattamento dei miei dati personali

Il carcere visto da dentro

Dona il 5x1000
AntigoneCinquePerMille

Sostieni Antigone
con una donazione