Residenza ai romeni, i Comuni in crisi, Metropoli, 22/05/07

Residenza ai romeni, i Comuni in crisi

Dall'11 aprile i cittadini comunitari devono iscriversi all'anagrafe del Comune di residenza, ma molto uffici non sono preparati e sono sommersi dalle richieste. Il problema è stato denunciato anche dal Partito dei romeni d'Italia: senza l'iscrizione, i romeni e tutti i comunitari non possono votare alle elezioni amministrative del prossimo weekend. La situazione è ai limiti dell'emergenza anche in molti municipi di Roma: un consigliere comunale ha presentato un'interrogazione al sindaco Veltroni

Messaggi di posta elettronica per protestare, interrogazioni al sindaco di Roma, un comunicato del Partito dei romeni d'Italia. Con una nota comune a tutti: “L'iscrizione anagrafica dei cittadini comunitari è impossibile e sta diventando una vera emergenza”. Il decreto, in vigore dall'11 aprile, stabilisce che i cittadini comunitari, superati i tre mesi dall'ingresso in Italia, devono chiedere l'iscrizione anagrafica, se soddisfano i requisiti (lavoro, studio o possibilità economiche). La carta di soggiorno non serve quindi più. Tuttavia, molti cittadini comunitari (soprattutto i romeni, gli “ultimi arrivati” nell'Unione) non sono riusciti a iscriversi: uffici comunali impreparati, non in grado di affrontare e gestire l'aumento notevole di richieste di iscrizione.

A Roma il problema è stato denunciato anche dai lettori di Metropoli, che hanno segnalato disfunzioni e impreparazione in molti municipi della capitale. Un consigliere comunale, Fabio Sabbatani Schiuma, ha rivolto un'interrogazione al sindaco Veltroni, invitando a istituire "un tavolo tecnico per la risoluzione delle varie casistiche, oltre all'implementazione e tutela legale delle risorse umane presso gli sportelli anagrafici, a corsi di formazione con referenti della Questura, a una programmazione delle pratiche di sportello rispetto al numero di prenotazioni e all'adeguamento dei locali per la ricezione del pubblico viste le nuove esigenze e progetto di produttività".

Ma si è mosso anche il Partito dei romeni d'Italia. Perché la mancata iscrizione (“per cause a loro non imputabili”) impedisce ai cittadini romeni di partecipare alle elezioni amministrative di domenica 27 e lunedì 28 maggio, diritto garantito a tutti i cittadini dell'Unione. Il partito ricorda che “in tantissimi Comuni la regolarizzazione per via anagrafica dei cittadini romeni è sospesa da settimane per l'incapacità dichiarata dei Comuni stessi di applicare ed interpretare la relativa normativa entrata in vigore dall'11 aprile 2007”. Per questo motivi, aggiungono moltissimi romeni non riusciranno a esercitare il diritto di voto, diritto che rimane soltanto in via teorica.

Iscriviti alla newsletter
Acconsento al trattamento dei miei dati personali

Il carcere visto da dentro

Dona il 5x1000
AntigoneCinquePerMille

Sostieni Antigone
con una donazione