Palermo, morto uno dei 4 clandestini soccorsi a bordo di un gommone, La Repubblica, 07/05/07

I migranti, in mare da una decina di giorni, erano disidratati e ustionati
Scortati fino al porticciolo di Terrasini: uno è morto subito, gli altri tre trasferiti in ospedale

Palermo, morto uno dei 4 clandestini soccorsi a bordo di un gommone


PALERMO - E' morto per gli stenti della traversata nel canale di Sicilia uno dei quattro migranti, di origine marocchina, soccorsi questa mattina a largo di Palermo. Il gommone, con a bordo una persona distesa e le altre tre in acqua aggrappate al mezzo, è stato recuperato a cinque miglia dall'aeroporto Falcone-Borsellino dalla Capitaneria di porto.

I quattro clandestini, in mare da almeno una decina di giorni, erano disidratati, ustionati e affamati. Il gommone è stato scortato sino al porticciolo di Terrasini, nel palermitano, e uno dei quattro è morto non appena adagiato nella banchina, poco prima di essere trasferito in ambulanza. Gli altri tre nordafricani sono stati ricoverati, due all'ospedale Cervello (secondo i sanitari sono solo infreddoliti e impauriti ma non c'è pericolo per la loro vita), l'ultimo si trova al pronto soccorso di Villa Sofia dove ha ricevuto le prime cure. A dare l'allarme è stato stamattina lo yacht inglese "Mari Lupe", proveniente dalla Sardegna.

In base al racconto di uno dei tre sopravvissuti, i migranti si sarebbero avventurati nel Mar Mediterraneo per raggiungere l'Italia alla fine del mese di aprile, e pare che avessero terminato le scorte di cibo e acqua da oltre una settimana.

Ma non è ancora chiaro come siano finiti nella zona di Punta Raisi. Secondo la Capitaneria di porto, che sta svolgendo i primi accertamenti sul naufragio, i quattro immigrati sarebbero stati abbandonati in mare su un gommone da una "nave madre". Il battello era infatti privo di motore ausiliario e di qualunque altro mezzo per affrontare una lunga traversata. E' impensabile inoltre che i clandestini abbiano tentato di raggiungere la Sicilia in gommone dalle coste del Marocco.

La zona dove è stato intercettato il natante, a largo della costa palermitana, è fuori dalle rotte battute tradizionalmente dai clandestini, sull'asse Libia-Lampedusa. Nei mesi scorsi alcuni sbarchi "anomali" si erano registrati anche sulle coste della Sardegna, ma in quel caso gli extracomunitari erano partiti dalle coste algerine.
Iscriviti alla newsletter
Acconsento al trattamento dei miei dati personali

Il carcere visto da dentro

Dona il 5x1000
AntigoneCinquePerMille

Sostieni Antigone
con una donazione